Il personale della Regione dona ore di lavoro a sostegno della sanità veneta

La giunta regionale ha approvato martedì una delibera presentata dal vicepresidente Gianluca Forcolin su proposta dei dipendenti regionali e delle loro rappresentanze sindacali

Gianluca Forcolin

Una o più ore di lavoro, da donare sull'apposito conto corrente, per sostenere le spese straordinarie che la sanità del Veneto si trova ad affrontare nel momento dell'emergenza Covid. É l'iniziativa diventata realtà martedì mattina con una delibera della giunta regionale che ha approvato la delibera presentata dal vicepresidente Gianluca Forcolin.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'iniziativa

SI tratta dell'ultima - in ordine di tempo - manovra messa in campo dalla Regione nella lotta al Coronavirus, in aggiunta alle spese eccezionali nel bilancio anche per il rifornimento di dotazioni mediche e dispositivi di sicurezza. La Regione ha già attivato un conto corrente destinato alla raccolta dei contributi volontari con Banca Unicredit, dove verranno destinati gli equivalenti delle ore lavorative cedute dai dipendenti. Da loro stessi è partita la proposta, in sinergia con le sigle sindacali. «É la conferma della sensibilità e del senso di  solidarietà dei veneti a tutti i livelli, una testimonianza di come tutte le componenti siano sensibili al tema e pronte, su base volontaria, a dare un proprio concreto contributo nell’emergenza - spiega Forcolin -. La sanità veneta si sta confermando un’eccellenza assoluta, i nostri lavoratori dimostrano di esserne consapevoli ed è encomiabile che non vogliano far mancare il loro sostegno. Esprimo un ringraziamento a tutti i dipendenti: hanno dato un segnale importante soprattutto considerando che molti tra loro, nel contesto emergenziale, stanno svolgendo efficacemente quelle funzioni e quei servizi che oggi la Regione, più che mai, deve prontamente garantire in campo sanitario e a sostegno e protezione del tessuto socio economico del nostro territorio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: primo caso di alunno positivo nel Padovano, classe e docenti in isolamento

  • Voto, ecco i dati di affluenza a mezzogiorno

  • L’amore trionfa: sistemato a tempo di record il murale di Kenny Random imbrattato nella notte

  • Kenny Random, imbrattato il murale più fotografato di Padova

  • Live - Subito una classe isolata, tamponi a tappeto e didattica a distanza

  • È vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento