In "Buone Acque": disponibile il report che racconta l’acqua bevuta dai padovani

Online il rendiconto sulla qualità dell’acqua potabile nel territorio servito da AcegasApsAmga: 57 analisi effettuate ogni giorno e risultate conformi alla legge al 100%

È on-line il nuovo report In buone acque di AcegasApsAmga. Nel documento si rendicontano i dati quantitativi e qualitativi delle analisi effettuate sulle acque della rete padovana e di tutto il territorio servito dall’Azienda nel corso del 2019. Il report racconta con trasparenza le origini dell’acqua che sgorga tutti i giorni dai rubinetti di casa e i motivi economici ed ambientali per i quali conviene berla. Sul sito della multiutility www.acegasapsamga.it è possibile consultare il report in forma sintetica e analitica per scoprire da dove proviene l’acqua del rubinetto dei padovani e la sua qualità. Tutti i dati contenuti nel report sono verificati dall’ente di certificazione indipendente DNV GL.

Visite virtuali

Insieme ai dati presentati nel report, i padovani possono ora conoscere nel dettaglio il percorso dell’acqua distribuita in città. AcegasApsAmga ha realizzato un video-documentario, disponibile sul canale Youtube della multiutility, interamente dedicato al viaggio dell’acqua, che ha origine dalla natura incontaminata dell'Oasi di Villaverla di Novoledo e prosegue passando per i principali impianti idrici dell’Azienda, alla scoperta dell’acqua che tutti i giorni esce dai rubinetti di Padova, Abano e della Saccisica. Inoltre, venendo incontro alle rinnovate necessità delle scuole, AcegasApsAmga mette a disposizione delle classi padovane un programma di visite virtuali, guidate da remoto da educatori professionisti, attraverso cui sarà possibile approfondire il percorso dell’acqua. Maggiori informazioni sono disponibili nella sezione scuola del sito aziendale.

Acqua buona

Il report sintetizza i risultati dei controlli chimici e microbiologici svolti quotidianamente sull’acqua erogata nella rete padovana: 20.774 analisi complessive nel 2019, con 100% di risultati conformi alla legislazione nazionale e regionale. AcegasApsAmga, attraverso i controlli interni e in sinergia con Ulss 6 Euganea, assicura la sicurezza dell’acqua potabile erogata dai rubinetti delle case: un’acqua oligominerale e iposodica. L’acqua bevuta dai cittadini di Padova proviene dall’Oasi Naturalistica di Villaverla (Vicenza), uno scrigno verde incontaminato. Nasce quindi in un contesto di grande valore a livello ambientale che la città, fin dalla fine del 1800, ha riconosciuto, valorizzato, rispettato attingendo con equilibrio a questa preziosa risorsa.

Acqua di rubinetto

All’interno del report è presente una sezione dedicata ai motivi per i quali conviene bere l’acqua di rubinetto, portando alla luce gli aspetti economici ed ambientali del consumo di acqua di rete in confronto a quella in bottiglia. L’acqua di rubinetto è soprattutto comoda, in quanto sgorga direttamente dal rubinetto di casa, ed economica, consentendo di risparmiare quasi 460 euro l’anno rispetto all’acqua in bottiglia. Inoltre è buona, in quanto è oligominerale e a basso contenuto di sodio. Per eliminare il sapore di cloro, è sufficiente riempire una caraffa di acqua e lasciarla riposare, meglio se in frigo. Infine è sicura, vengono effettuate oltre 20 mila analisi ogni anno con la collaborazione di Ulss 6.

I numeri dell’acquedotto padovano

All’interno del report, grazie ad un’infografica facile e intuitiva, è possibile avere una visione immediata della rete acquedottistica di Padova che serve oltre 299.000 cittadini, attraverso una rete di 2.045 Km in cui, nel 2019, sono stati immessi oltre 40 milioni di mc di acqua. Le analisi eseguite nel 2019 da AcegasApsAmga insieme a dall’Ulss n° 6 sono 20.774. L’Italia risulta essere al terzo posto nella classifica mondiale per consumo pro capite di acqua in bottiglia e solo il 10% delle bottiglie è in vetro, mentre solo il 41% delle bottiglie di plastica viene riciclato. Purtroppo, le bottigliette di acqua sono il rifiuto plastico abbandonato più presente nelle spiagge e nelle città, e per questo la direttiva europea ha fissato un obiettivo di raccolta del 90% entro il 2025. Sempre per il 2025 il 25% delle bottiglie di plastica dovrà essere fatto di materiali riciclati, cifra che deve arrivare al 30% per il 2030.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strade insanguinate: perde il controllo dell'auto sui Colli, muore noto barista di 31 anni

  • Tragedia nel pomeriggio: auto esce di strada, morto un 19enne e grave un coetaneo

  • Malore improvviso: è mancato nella notte il Primo Dirigente Medico della Polizia di Stato, Massimo Puglisi

  • Si schianta con un ultraleggero nella Bassa: morto il pilota 52enne

  • Femminicidio di Cadoneghe: la denuncia e i retroscena di un delitto "annunciato"

  • Statale 47 paralizzata da un incidente: coinvolti tre camion e un'auto

Torna su
PadovaOggi è in caricamento