Attualità

Numeri importanti per un anno da ricordare: il report del comitato di Padova della Croce Rossa

Dichiara il presidente Rupolo: «I dati nel report evidenziano da un lato l'aumento delle performance del Comitato, dall'altro le sempre maggiori necessità, soprattutto in ambito sanitario e sociale, che provengono dal territorio»

Il presidente Giampietro Rupolo durante l'esposizione del report della Croce Rossa

È stato presentato giovedì 27 giugno dal presidente Giampietro Rupolo e dal delegato tecnico dell'Area Svilippo di Comitato, Mirco Michielotto, il Bilancio Sociale-Report 2018 del Comitato di Padova della Croce Rossa Italiana.

Croce Rossa

La Croce Rossa è stata fondata nel 1864. Cardini dell'attività sono i 7 principi: Neutralità, Imparzialità, Volontarietà, Unità, Umanità, Universalità e Indipendenza. La Croce Rossa Italiana agisce attraverso 6 obiettivi strategici: 1 Salute, 2 Sociale, 3 Settore Emergenza, 4 Diritto Internazionale Umanitario, 5 Giovani e 6 Promozione e Sviluppo del Volontariato e Comunicazione. A Padova si trova la sede del Comitato che conta 1600 volontari, articolata in due sedi. Gli uffici nell'edificio al civico 112 di via della Croce Rossa e al piano terra il Polo sociale. Nello spazio storico al civico 130, ci sono la sede del servizio Suem 118 e spazi per i richiedenti asilo. Al Comitato fanno capo le sedi di: Cittadella, Noventa Padovana, Padova, Piove di Sacco e Trebaseleghe. A guidare il Comitato padovano è il Presidente dr. Giampietro Rupolo. Croce Rossa è formata da Volontari, Infermiere Volontarie, personale del Corpo Militare e dipendenti. A Padova la Croce Rossa è in attività dal 1889. Il presidente Rupolo ha affermato: «I dati nel report evidenziano da un lato l'aumento delle performance del Comitato, dall'altro le sempre maggiori necessità, soprattutto in ambito sanitario e sociale, che provengono dal territorio. Il Bilancio Sociale verrà condiviso oltre che con i Volontari, anche con tutte le Istituzioni, in primis i Comuni, con i quali il Comitato collabora».

Area 1

Di seguito i dati salienti del 2018. Questi i dati dell'Area 1:

  • 12.648 Interventi in emergenza (coordinati dal Suem 118) in collaborazione con l'Ulss 6 Euganea, 1525 turni, 17.520 volontari impegnati e 188.117 km percorsi
  • 50.239 km percorsi per 554 Trasporti Sanitari
  • 19.956 km percorsi per 655 Trasporti di Emoderivati con 782 volontari
  • 702 Assistenze a manifestazioni, 13.649 ore di servizio
  • Manovre salvavita pediatriche: 19 lezioni con 837 partecipanti, 17 corsi con 165 discenti e 4 mass training con 154 presenze
  • Corsi rianimazione cardiopolmonare con uso defibrillatore (Blsd): formate 254 persone: 559 interni e 483 esterni con 1.000 ore di formazione
  • Corsi di primo soccorso: 3 per aziende e 7 aggiornamenti
  • 6.718 ore di assistenza sanitaria svolte nei pronto soccorso degli ospedali di Cittadella e Camposampiero, impegnando 1293 volontari
  • Il nucleo Operatori Polivalenti Salvataggio in Acqua conta 31 volontari, ha prestato assistenza a 19 eventi, impiegando 53 volontari per 411 ore di servizio

Area 2

Questi i dati dell'Area 2:

  • Distribuzione viveri con 88 giornate di distribuzione di 3.461 pacchi viveri e/o consegna a domicilio, sostenute 561 famiglie nel territorio di competenza per 1.947 persone con 455 volontari coinvolti
  • Lo Sportello Sociale ha operato con 110 turni con 349 volontari, per il sostentamento economico di 912 famiglie e persone in difficoltà, distribuendo 5.396 euro.
  • Progetto Penelope, unità di strada per la riduzione delle malattie sessualmente trasmissibili: 135 volontari impegnati, 1.256 contatti effettuati
  • Emergenza Freddo (dicembre 2017-marzo 2018) e Nausicaa (fuori dalla stagione invernale) svolta in città con ambulatorio mobile e unità di strada appiedata: 129 volontari impegnati e 4.182 contatti effettuati in 151 turni di servizio, 383 coperte distribuite, 4.440 pacchi di biscotti secchi e merendine donati, e 500 litri di tè, acqua, succhi di frutta distribuiti
  • Donne al Centro, progetto per l’accoglienza in due appartamenti di donne maggiorenni anche con figli, vittime di violenza: 13 donne e 13 figli minori (da 0 anni a 17 anni) assistiti
  • Ambulatorio Polispecialistico: 2.767 utenti, 2.563 visite odontoiatriche, 29 visite ginecologiche, 18 visite ortopediche 23 visite di medicina generale. Collaborano anche 60 specializzandi in odontoiatria
  • Ambulatorio Mobile: 34 persone assistite, 12 uscite, coinvolti 10 medici e 25 volontari
  • Progetto test HIV e HCV: 412 test svolti, 40 volontari coinvolti
  • Servizio persone senza fissa dimora: 78 giorni con 68 ospiti assistiti
  • Attività di Restoring Family Links per il ricongiungimento di famiglie separate: 4 i casi aperti nel 2018
  • Assistenza Psicosociale: 1.750 ore di servizio svolte nel PS di Padova
  • Centro accoglienza straordinaria a Padova: 46 ospiti (su 50 posti)
  • Iniziativa “Occhiale Solidale”: con 150 utenti, 200 paia distribuite in 22 servizi
  • Accompagnamento cimiteri ponte Ognissanti: 388 utenti e 212 viaggi

Area 3

Queste le attività dell'Area 3:

  • Seguite importanti manifestazioni: Granfondo Città di Padova, Padova Marathon, Padova Pride, Festa di Medicina, Sherwood Festival.
  • Interventi: disinnesco ordigno a Carmignano di Brenta, Alluvione Padova, Tempesta ad Agordo

Area 4

Queste le attività dell'Area 4:

  • Varie conferenze ed attività dimostrative nel territorio per divulgare i principi del Diritto Internazionale Umanitario, a Jesolo 4 workshop formativo sulla migrazione in collaborazione con l'università di Padova
  • Sono stati svolti corsi di accesso per volontari CRI, giornate di diffusione dei Principi in un liceo, stand ad Expo Scuola e docenze a corsi per operatori internazionali per le Forze Armate

Area 5

Queste le attività dell'Area 5:

  • Attività nelle scuole e centri estivi trattando i temi: Educazione alla sessualità, malattie Sessualmente Trasmissibili ed educazione alla sana alimentazione
  • Attività in piazza con 8 uscite con stand
  • Attività informativa sulle Malattie Sessualmente Trasmissibili: partecipazione al Pride Village per 3 giorni con 800 contatti, screening HIV e presentazione di 5 attività
  • Formazione interna: 1 Corso Operatori Salute, 2 Percorsi Gioventù

Area 6

Queste le attività dell'Area 6:

  • Organizzati 5 corsi base con la formazione di 142 nuovi volontari
  • Sono state 12 le attività in piazza (promozione dell’associazione in collaborazione con le altre aree, reclutamento, raccolta fondi, ecc.) senza contare gli eventi ad hoc realizzati presso specifiche associazioni o istituzioni.
  • 13 le attività di rappresentanza in commemorazioni e manifestazioni

Corpo militare

Le attività del corpo militare:

  • Attività operative (in supporto delle forze armate in Italia e all’estero o attività di protezione civile comprese le attività di supporto sanitario per gli interventi di bonifica degli ordigni bellici inesplosi): 563 per complessive 1903 giornate di impiego
  • Attività formative, prevalentemente rivolte al personale dei reparti militari in partenza per impiego in teatro operativo: 36 attività per complessive 230 giornate di impiego
  • Attività addestrativa del proprio personale: 58 attività per complessive 501 giornate di impiego
  • Attività di rappresentanza e di supporto organizzativo al Centro di Mobilitazione: 34 per complessive 475 giornate di impiego

Infermiere volontarie

Le Iinfermiere volontarie hanno festeggiato 100 anni di fondazione del Corpo. Prestano servizi sia a fianco delle Forze Armate, sia in proprio, sia in supporto del Comitato di Padova ed altri Comitati. Offrono la loro specifica preparazione per rendere maggiormente completa l’attività fornita alla popolazione. In tutti i servizi, le Crocerossine cercano di instaurare al meglio la relazione di aiuto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Numeri importanti per un anno da ricordare: il report del comitato di Padova della Croce Rossa

PadovaOggi è in caricamento