Risonanza magnetica funzionale per misurare la connettività cerebrale dopo un ictus: lo studio

La prestigiosa rivista scientifica "Brain" ha pubblicato i risultati di una ricerca sulla predizione dei deficit neurologici dopo un ictus attraverso la risonanza magnetica condotta dal gruppo del Prof. Maurizio Corbetta, Direttore della Clinica Neurologica e del Padova Neuroscience Center (PNC) dell’Università di Padova, e Principal Investigator del VIMM

La figura illustra gli effetti della lesione ictus sulla funzione visiva, e le disconnession strutturali e funzionali corrispondenti nel cervello

La prestigiosa rivista scientifica "Brain" ha pubblicato i risultati di una ricerca sulla predizione dei deficit neurologici dopo un ictus attraverso la risonanza magnetica condotta dal gruppo del Prof. Maurizio Corbetta, Direttore della Clinica Neurologica e del Padova Neuroscience Center (PNC) dell’Università di Padova, e Principal Investigator del VIMM

Risonanza magnetica funzionale

La risonanza magnetica funzionale è lo strumento con cui si studia e si misura la connettività cerebrale, ovvero come aree del cervello, anche lontane fra loro, siano in continua comunicazione. I danni prodotti da un ictus vanno ad alterare questa connettività cerebrale e l’obiettivo di molti ricercatori in tutto il mondo è quello di poter predire, attraverso lo studio delle modificazioni di questa connettività, i deficit neurologi dei pazienti. Negli ultimi anni sono stati pubblicati da gruppi di ricerca internazionali degli studi che miravano alla predizione di deficit neurologici dopo un ictus attraverso lo studio della connettività, ma senza l’impiego della risonanza magnetica funzionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ricerca

La ricerca appena pubblicato da Alessandro Salvalaggio, un neurologo dottorando del PNC, ha dimostrato invece come la risonanza magnetica funzionale sia uno strumento imprescindibile per la misurazione della connettività cerebrale dopo un ictus. Nello stesso studio i ricercatori hanno anche dimostrato che la stima indiretta delle alterazioni della connettività strutturale (ovvero delle fibre che collegano tra loro i neuroni) è in grado di aggiungere informazioni anatomiche su quello che accade al cervello dopo un ictus. Spiega il prof Maurizio Corbetta: «Un ictus è un danno ad una specifica area del cervello, ma i sintomi neurologici e cognitivi che ne derivano dipendono non solo da dove avviene questo danno e da quanto grande è, ma anche da come le varie aree del cervello sono connesse (strutturalmente o funzionalmente) fra loro. Questo studio fornisce quindi nuove informazioni su quali strumenti siano adatti per la prognosi dell’ictus». Lo studio è frutto di una collaborazione fra il gruppo di Maurizio Corbetta, Marco Zorzi, Professore di Psicologia Generale all’Università di Padova, e Michel Thiebaut del Schotten, leader del gruppo di neuroimaging funzionale del CNRS dell’Università di Bordeaux.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Coronavirus, il prof. Ursini difende Andrea Crisanti: «Parole sgradevoli dal professor Palù»

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • A piedi lungo la tangenziale, giovane viene investito all'alba: è grave

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento