menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Università di Padova disponibile a una riduzione delle tasse studentesche. Udu: «Un primo passo»

«Dopo una lunga discussione siamo riusciti a strappare l'innalzamento della No Tax Area fino a 24.000 punti Isee e una rimodulazione delle tasse a partire dall'anno 2021/2022 per le fasce medio-basse con una forte riduzione»

Continua la campagna #toomuch di udu per chiedere una rimodulazione delle tasse universitarie offrendo un vero sostegno alla comunità studentesca patavina. Proprio nella mattinata di venerdì 23 aprile l'ateneo si è reso disponibile ad un tavolo di confronto con le rappresentanze degli studenti per discutere della manovra.

Tasse

Dichiara Enrico Caccin, senatore Accademico di Udu Padova: «È un primo passo verso il sostegno di tutte e tutti gli studenti in difficoltà in questo momento: dopo una lunga discussione con la governance siamo riusciti a strappare l'innalzamento della No Tax Area fino a 24.000 punti Isee e una rimodulazione delle tasse a partire dall'anno 2021/2022 per le fasce medio-basse con una forte riduzione». Novità anche per la proroga, dichiara Alessia Conti, rappresentante in Senato di Udu Padova: «L'ateneo si è reso disponibile ad investire un ulteriore milione per esonerare dalla terza rata tutte e tutti gli studenti, con Isee fino ai 50.000, che si laureeranno entro il 31 luglio 2021. Un passo avanti, anche se non possiamo esimerci dal denunciare l'assenza cronica di Ministero e Governo, che hanno prorogato l'anno accademico senza garantire un minimo di coperture economiche agli atenei».

Bonus

Novità anche sul fronte bonus dal prossimo anno, come sottolinea Anna Tesi, rappresentante in CdA di ateneo con Udu Padova: «Dal prossimo anno dovrebbero continuare anche i contributi straordinari, con alcune modifiche: il bonus per Sim dovrebbe essere mantenuto anche nel prossimo anno accademico, assieme ad una convenzione per dei tablet, aggiungendo anche un nuovo bonus per l'acquisto di libri e manuali per studentesse e studenti con reddito fino a 50.000 Isee». Conclude Beatrice Sofia Urso, rappresentante in Cda dell'Esu con Udu Padova: «Resta vergognoso il silenzio delle istituzioni regionali e nazionali: quest'anno l'ateneo dovrà mettere ben 5,5 milioni di tasca propria per poter coprire le borse di studio regionali perché la Regione non lo fa. È una vergogna: non ci fermeremo a questo risultato. Ora continueremo il nostro lavoro con la Regione e il ministero per abbassare ulteriormente le tasse».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento