13 istituti superiori rileveranno la qualità dell'aria: l'iniziativa di Arpav e Provincia di Padova

Sono 13 le scuole che hanno aderito ad installare degli strumenti di rilevazione e campionatura passiva dell’aria (i cosiddetti radielli) su altrettanti edifici scolastici di proprietà provinciale. L’iniziativa vede come capofila l’istituto tecnico “Marconi” di Padova che, insieme allo Scarcerle, analizzerà i campioni prelevati con la supervisione e il coordinamento di Arpav

I "radielli" per la rilevazione della qualità dell'aria

Migliorare la qualità dell’aria è anche una questione culturale ed educativa. Per questo l’Agenzia regionale per la protezione e prevenzione ambientale del Veneto (Arpav) e la Provincia di Padova hanno avviato un progetto rivolto agli istituti superiori del territorio con l’obiettivo di sensibilizzare concretamente i ragazzi nella lotta alla salvaguardia ambientale.

"Radielli"

Sono 13 le scuole che hanno aderito ad installare degli strumenti di rilevazione e campionatura passiva dell’aria (i cosiddetti radielli) su altrettanti edifici scolastici di proprietà provinciale. L’iniziativa vede come capofila l’istituto tecnico “Marconi” di Padova che, insieme allo Scarcerle, analizzerà i campioni prelevati con la supervisione e il coordinamento di Arpav. Il progetto è stato presentato oggi dal presidente dell’Amministrazione provinciale Fabio Bui, dal consigliere provinciale delegato all’Ambiente Elisa Venturini, dal direttore generale di Arpav Luca Marchesi e dal direttore del dipartimento provinciale di Arpav Alessandro Benassi. Erano inoltre presenti il dirigente scolastico dell’Istituto Marconi Paola Palmegiani e i docenti che seguiranno il progetto Lucia Pucci per il Marconi e Federica Dal Molin per lo Scarcerle. Spiega il presidente Bui: «L’idea nasce da Arpav e noi abbiamo subito aderito a questa iniziativa che fa da apripista, siamo molto contenti dell’adesione da parte delle scuole perché significa che la questione ambientale è ormai un argomento che i giovani sentono. I grandi cambiamenti si fanno partendo dalla propria realtà locale, quindi iniziare concretamente a capire qual è la situazione nei luoghi che ogni giorno frequentiamo e cosa fare per migliorare le cose, è sicuramente positivo. È giusto manifestare per la salvaguardia ambientale, ma è ancora più giusto fare qualcosa di concreto, reale e utile».

Le rilevazioni

Sarà cura di Arpav provvedere al recapito e al ritiro nelle scuole dei radielli (acquistati con contributo della Provincia), oltre a fornire tutte le indicazioni necessarie. Aggiunge Elisa Venturini, consigliere provinciale all'ambiente: «I giovani stanno dimostrando di voler essere sempre più protagonisti sui temi ambientali, per questo abbiamo aderito ad un’iniziativa che ha un approccio scientifico. Gli studenti potranno sperimentare cosa vuol dire rilevare l’aria e analizzare i dati raccolti, dunque faranno qualcosa di utile e saranno direttamente coinvolti grazie al supporto degli esperti di Arpav. Tutto questo si inserisce nella più ampia azione che la Provincia sta portando avanti per la lotta al pm10. Siamo convinti che, oltre alla fase di emergenza, è necessario agire sul medio e lungo termine con attività strutturali come il rinnovo del parco caldaie, la piantumazione di alberi e, più in generale, iniziative di sensibilizzazione che coinvolgano la popolazione con azioni concrete». Due le finestre temporali fissate per la rilevazione dell’aria: una già iniziata da mercoledì 19 febbraio e durerà fino al 4 marzo per il campionamento invernale. La seconda è prevista dal 6 al 20 maggio e servirà a raccogliere dati sul periodo primaverile. I dati saranno successivamente analizzati da una cinquantina di studenti del Marconi e dello Scarcerle in collaborazione con Arpav e, al termine del percorso, verrà elaborata una relazione conclusiva. Spiega Marchesi: «È importante che i giovani si formino nella consapevolezza che le istituzioni prendono decisioni e agiscono sulla base di dati scientifici, per questo come Arpav stiamo portando avanti progetti che coinvolgono direttamente gli studenti. La sensibilità verso i temi ambientali è notevolmente accresciuta, ma il nostro intento, attraverso le scuole, è che si sviluppi un approccio rigoroso che sappia valorizzare la fiducia nelle istituzioni e nella scienza da parte della cittadinanza e dei ragazzi». Il direttore della sede provinciale di Arpav Benassi ha quindi illustrato come avverrà la raccolta e il campionamento dell’aria: «Si utilizzeranno i radielli che sono dei sistemi di campionamento passivo inventati da Vincenzo Cocheo, un chimico padovano mancato dieci anni fa. Il dispositivo è costituito da una cartuccia chimicamente attiva che serve per campionare in modo selettivo il biossido di azoto, uno degli inquinanti che, insieme al Pm 10, danno più problemi. Tutti i ragazzi avranno un punto esterno con i radielli che poi saranno portati nei laboratori del Marconi e dello Scarcerle per le analisi necessarie».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le scuole

Queste le scuole in cui verranno installati gli strumenti di rilevazione dell’aria:

  • Einaudi Gramsci
  • Duca degli Abruzzi
  • Scarcerle
  • Marconi
  • Severi
  • Belzoni
  • Leonardo Da Vinci
  • Alberti di Abano Terme
  • Newton Pertini di Camposampiero
  • Meucci di Cittadella
  • Euganeo di Este
  • Cattaneo-Mattei di Monselice-Conselve
  • Einstein di Piove di Sacco

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Coronavirus, il prof. Ursini difende Andrea Crisanti: «Parole sgradevoli dal professor Palù»

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • A piedi lungo la tangenziale, giovane viene investito all'alba: è grave

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento