rotate-mobile
Venerdì, 7 Ottobre 2022
Attualità Montegrotto Terme

L'ex Rio d'Oro verrà abbattuto: al suo posto una casa di riposo

Come compenso per il cambio di destinazione d’uso, inoltre, Namira si impegna a progettare ed edificare con ogni onere tecnico un edificio a destinazione pubblica direzionale di 261 metri quadri che verrà ceduto a titolo gratuito al Comune

L'ex hotel Rio d'Oro a Montegrotto Terme verrà abbattuto, e al suo posto verrà realizzata (dalla Namira Sgr) una casa di riposo convenzionata con l’Ulss 6 Euganea, con il Comune che avrà un edificio a disposizione per servizi ai cittadini: è quanto prevede la convezione firmata nei giorni scorsi tra l’amministrazione comunale e Namira Sgr Pa.

Ex Rio d'Oro

Come compenso per il cambio di destinazione d’uso, Namira si impegna infatti a progettare ed edificare con ogni onere tecnico un edificio a destinazione pubblica direzionale di 261 metri quadri che verrà ceduto a titolo gratuito al Comune. Namira si impegna inoltre alla manutenzione in perpetuo delle aree gravate dalla servite di passaggio di uso pubblico e a corrispondere al Comune 261 mila euro quali oneri di urbanizzazione primaria e secondaria. «L’edificio comunale - spiega l’assessore alla Programmazione territoriale Luca Fanton - sarà composto da 6 ambulatori medici, bagni e una sala d’attesa. Ci saranno parcheggi per gli utenti e un ingresso dedicato. Con questa convenzione ci sono ora tutte le condizioni per iniziare la demolizione dell’ex hotel Rio d’Oro». Namira dovrà iniziare i lavori entro un anno dal rilascio del titolo SUAP relativo alla RSA, concluderli entro 3 anni e dare avvio al servizio di ospitalità degli utenti entro 30 giorni dal termine dei lavori. A garanzia di questa tempistica Namira ha costituito e consegnato al Comune di Montegrotto Terme una polizza di un milione di euro. Altra polizza di quasi mezzo milione di euro è stata consegnata a garanzia della presentazione del progetto, della realizzazione e della cessione a titolo gratuito al Comune dell’edificio a destinazione direzionale. L’accordo prevede che ci sia un’ulteriore convenzione di gestione per regolamentare i servizi sociali ma ne fissa già i paletti: priorità ai cittadini residenti nella selezione del personale della RSA e 12 posti letto riservati a persone segnalate dai Servizi sociali del Comune con una riduzione della quota alberghiera. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'ex Rio d'Oro verrà abbattuto: al suo posto una casa di riposo

PadovaOggi è in caricamento