L'annuncio che tutti aspettavano: il Salone dei Sapori diventa appuntamento annuale

L'ufficialità arriva da Antonio Bressa, assessore al commercio: «Gli appelli si sono moltiplicati in poco tempo e per questo il Salone dei Sapori diventerà un appuntamento fisso annuale nella programmazione degli eventi cittadini»

Folla Sotto il Salone per "Il Salone dei Sapori"

Un successo che non poteva rimanere isolato. Arriva l'ufficialità che tutti attendevano: il Salone dei Sapori diventa un appuntamento annuale.

Appuntamento annuale

L'evento che ha catalizzato l'interesse di migliaia di persone, accorse Sotto il Salone nonostante le giornate di pioggia, si prepara quindi a entrare in maniera fissa nell’agenda degli eventi cittadini. L'assessore al commercio Antonio Bressa dichiara soddisfatto: «Potremmo dire che lo facciamo “a grande richiesta”. Gli appelli si sono moltiplicati in poco tempo e per questo il Salone dei Sapori diventerà un appuntamento fisso annuale nella programmazione degli eventi cittadini. È una scelta che possiamo fare facilmente proprio per il grande ritorno che ha avuto l’evento e la spinta che ci arriva non solo dalle botteghe Sotto il Salone e dai nostri partner, ma anche dalle migliaia di persone che nonostante giorni di maltempo hanno raggiunto l’evento portando curiosità ed entusiasmo nei luoghi storici del centro».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'organizzazione

L’organizzazione per la seconda edizione dell’evento che ha portato nel cuore di Padova degustazioni, incontri e grandi ospiti è già attivata: «D’intesa con il Sindaco - continua l’assessore - ho già chiesto a Superfly Lab e all’Associazione Veneto Suoni e Sapori di tornare insieme attorno al tavolo per iniziare a lavorare sulla prossima edizione. Tavolo che vogliamo sia allargato a tutti i soggetti che insieme a noi vogliono contribuire a un progetto che già in questa prima edizione ha mostrato una grandissima potenzialità proprio grazie all’approccio corale con il quale abbiamo coinvolto tutte le forze vive che ruotano attorno alla cultura enogastronomica. Continueremo il percorso con la capacità di innovarlo, ma nel solco dei tratti distintivi che si sono affermati già in questa prima edizione: la riscoperta autentica dei luoghi storici del nostro commercio, la promozione delle eccellenze del territorio e la diffusione di pratiche e modelli di consumo sostenibili. Il tutto con la capacità di creare un’atmosfera coinvolgente e suggestiva per tutti i giorni dell’evento accompagnata da un’azione di comunicazione che ci ha dato alla città visibilità a livello nazionale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: quattro morti in provincia di Padova, anche il custode di Villa Marin

  • Coronavirus, Zaia: «Si tornerà alla normalità, ma gradualmente. Non abbassiamo la guardia»

  • Pm10 alle stelle negli ultimi tre giorni a Padova e provincia: ecco le motivazioni

  • Rientra e trova la compagna esanime: stroncata in casa da un malore fatale

  • «Via libera alla vendita di piante e fiori»: boccata di ossigeno per 450 aziende padovane

  • LIVE - Emergenza Coronavirus: altri anziani morti, a Padova 2,3 positivi ogni mille abitanti

Torna su
PadovaOggi è in caricamento