Che amore di reparto: San Valentino irrompe nelle corsie dell'ospedale

Nel reparto di Geriatria e Neurologia, al settimo piano dell’Ospedale Immacolata Concezione di Piove di Sacco: gran sorpresa per i 44 ricoverati, soprattutto anziani, che si sono trovati davanti agli occhi alberelli di cuori di carta, frasi d'amore e d'empatia vergate a mano

"L'amor che move il sole e l'altre stelle", scriveva Dante Alighieri nell'ultimo verso del suo Paradiso. Ed è paradisiaca l'atmosfera che si è respirato venerdì 14 febbraio nel reparto di Geriatria e Neurologia, al settimo piano dell’Ospedale Immacolata Concezione di Piove di Sacco, dove infermiere e operatrici socio-sanitarie hanno portato San Valentino in corsia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'iniziativa

Gran sorpresa per i 44 ricoverati, soprattutto anziani, che si sono trovati davanti agli occhi alberelli di cuori di carta, frasi d'amore e d'empatia vergate a mano, il bancone dell'accettazione avvolto di carta rossa, "trapuntato" di coriandoli mentre stelle filanti "piovono dal soffitto". A dare il benvenuto ai parenti in visita è un grande pagliaccio in carta crespa. Hanno lavorato a casa nel tempo libero le operatrici, e di notte in ospedale (fuori orario di servizio), per l’ “effetto sorpresa” di stamattina, restituendo il tempo dell'amore e dell'allegria carnevalesca ai “loro” vecchietti” che in ospedale spesso si disorientano, smarrendo il senso dei giorni e delle stagioni. Si sono ingegnate con carta e cartone, scotch, tempere, pennelli seguendo la loro ormai consolidata tradizione di "reparto 4stagioni" che sottolinea, con le scenografie, lo scorrere del tempo, regalando d'estate mare, fari e conchiglie, in autunno zucche e pannocchie, d'interno abeti e caminetti. Tutto frutto di mani sanitarie "artigiane". Commenta Domenico Scibetta, direttore generale dell'Ulss 6 Euganea: «È meraviglioso ammirare cosa sanno fare i nostri operatori sanitari con spirito di inventiva e autentico amore per gli assistiti. La monotonia del ricovero e lo scorrere sempre uguale dei giorni vengono ingentiliti da questi scenari che trasferiscono in reparto la vita che c’è fuori. Che dire, se non grazie di cuore?».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Coronavirus, il prof. Ursini difende Andrea Crisanti: «Parole sgradevoli dal professor Palù»

  • Coronavirus, Zaia: «Ho l'impressione che questo Dpcm sia solo un "riscaldamento a bordo campo"»

  • Incidente a Legnaro, investito un pedone sulle strisce: portato in ospedale con codice rosso

  • Coronavirus, Zaia: «La situazione di oggi è sopportabile, quella di domani non lo so»

  • Coronavirus, Zaia: «Entro lunedì una nuova ordinanza con restrizioni leggere anti-assembramenti»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento