«Un affronto alla sanità padovana»: l'attacco di Sinigaglia alle nuove schede ospedaliere

Critico il consigliere Pd dopo le audizioni delle Conferenze dei sindaci: «Grave penalizzazione dei cittadini». Si dichiara invece "fiducioso" Federico Barbierato, sindaco di Abano Terme

Foto di gruppo all'uscita dalle audizioni (foto Facebook Federico Barbierato)

«Dalle audizioni delle Conferenze dei sindaci abbiamo ricevuto indicazioni che confermano come le scelte compiute da Zaia con le schede ospedaliere rappresentino una grave penalizzazione dei cittadini, in particolare quelli padovani». Così Claudio Sinigaglia, consigliere del Partito Democratico, commenta la seduta di martedì 16 aprile della Quinta commissione con le audizioni sulle schede ospedaliere concentrate soprattutto sulla provincia euganea.

La critica

Critica Sinigaglia: «Anche oggi, nonostante le promesse, non è stata fornita alcuna risposta alla richiesta di spiegazioni sul declassamento della Casa di cura di Abano Terme da presidio ospedaliero a struttura integrativa della rete ospedaliera pubblica. Perché questa scelta? In maniera trasparente i consiglieri regionali debbono essere messi nelle condizioni di conoscere i motivi di una decisione che comporterà inevitabili conseguenze nell’erogazione dei servizi e nei livelli occupazionali. Venerdì scorso, sempre in Commissione, l’assessore alla sanità del Veneto, Lanzarin, aveva assicurato che oggi avrebbe motivato la scelta, che è evidentemente di tipo politico. Invece l’assessore era assente e nessuno è intervenuto al suo posto».

Sergio Giordani

Il consigliere del Pd, quindi, sottolinea: «Di notevole importanza la presenza del sindaco di Padova Giordani che ha presentato la mozione approvata all’unanimità in Consiglio comunale in cui si chiede a Zaia di non fare fughe in avanti e di mantenere il Sant’Antonio presso l’Ulss 6 Euganea. Dice Giordani: "Si realizzi il nuovo ospedale e si riqualifichi il Giustinianeo e poi si valuti se passare il Sant’Antonio sotto la direzione dell’Azienda". Vedremo se la Regione terrà conto della rumorosa e partecipata mobilitazione del territorio e delle istituzioni».

Ospedale di Montagnana

Conclude Claudio Sinigaglia: «Un altro dato significativo è la chiusura dell’ospedale di Montagnana che da polo per lungodegenze e riabilitazione è diventato una struttura intermedia e potrebbe perdere il punto di primo intervento. Un insieme di decisioni che vanno in un’unica direzione: quella di penalizzare i cittadini di Padova e provincia, perché di benefici proprio non se ne vedono».

Federico Barbierato

"Ospedale di Abano Terme. Terminata ora l'audizione in regione presso la quinta commissione sanità. Noi siamo fiduciosi nell'accoglimento delle nostre legittime richieste che provengono dal territorio termale euganeo": questo, invece, il commento di Federico Barbierato - sindaco di Abano Terme - affidato alla propria pagina Facebook.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Tragico schianto sulla Piacenza-Brescia: muore autotrasportatore padovano

  • Tremendo frontale tra un'utilitaria e un camion, una donna muore nello schianto

  • Linea Verde fa tappa a Padova: il fiume Brenta e la zona del Piovese protagonisti su Rai 1

  • Cantine aperte, degustazioni, fiere, concerti e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Stragi del sabato sera, maxi servizio di repressione in provincia: più di 200 persone controllate

Torna su
PadovaOggi è in caricamento