Domenica, 26 Settembre 2021
Attualità Teolo

Cinghiali, Cia Padova: «Diamo continuità all'azione dei selecontrollori nel Parco Colli»

«Il lavoro di un anno degli agricoltori può essere vanificato in una sola notte: dove passano, i cinghiali distruggono ogni cosa, non guardano in faccia a nessuno»

«Diamo continuità all’azione dei nove operatori di Veneto Agricoltura, riassunti a tempo determinato per un totale di 150 giorni lavorativi ciascuno nel 2021, dedicati al contenimento dei cinghiali nell’area del Parco Colli»: la richiesta viene avanzata da Cia Padova, alla luce della ripresa delle attività finalizzate all’eradicamento degli ungulati nella zona.

Selecontrollori

Sottolinea il presidente di Cia Padova, Roberto Betto: «Ringraziamo la Regione Veneto, oltre che Veneto Agricoltura e l’ente Parco per aver dato un riscontro positivo e celere alle nostre istanze, contenute in una lettera inviata insieme alle altre organizzazioni agricole alle autorità competenti. Il contratto dei nove selecontrollori era scaduto a novembre, rischiavamo un periodo di fermo troppo lungoì. Auspichiamo che il prossimo step sia l’assunzione a tempo indeterminato degli addetti, in modo da dare maggiore garanzia e solidità al programma di contenimento stesso. Serve predisporre un’attività sistematica, non a spot, per mettere in sicurezza tanto le coltivazioni dei nostri imprenditori agricoli, che i cittadini. Il lavoro di un anno degli agricoltori può essere vanificato in una sola notte: dove passano, i cinghiali distruggono ogni cosa, non guardano in faccia a nessuno. Ci siamo sempre detti che uno degli obiettivi dichiarati del Parco dev’essere il contenimento degli ungulati. Siamo chiamati a mettere i selecontrollori nelle condizioni di svolgere al meglio il loro lavoro, senza ulteriori stop&go». Il fatto che i nove operatori siano stati riassunti nel periodo invernale rappresenta un valore aggiunto: «Cade proprio quando è possibile catturare numerose femmine gravide, oltre che cinghiali giovani. Azioni molto utili, queste, al fine di contenere la popolazione degli ungulati nei mesi successivi. Siamo molto fiduciosi in tal senso: con la Regione, il Parco Colli e Veneto Agricoltura abbiamo avviato un dialogo molto proficuo sulla tematica».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinghiali, Cia Padova: «Diamo continuità all'azione dei selecontrollori nel Parco Colli»

PadovaOggi è in caricamento