Per non dimenticare: viaggio della Memoria nei luoghi della Shoah per 90 studenti padovani

I ragazzi hanno potuto visitare le “case protette” di Budapest, in cui il padovano Giorgio Perlasca salvò migliaia di ebrei, i campi di Auschwitz e Birkenau, in cui furono uccise più di un milione di persone e la città di Vienna, anch’essa teatro di guerra e di persecuzione di innocenti

I ragazzi del Viaggio della Memoria a Budapest

È notizia di pochi giorni fa che il 15,6% degli italiani nel 2019 nega la Shoah. Un preoccupante dato di revisionismo storico, che necessita una risposta da parte delle istituzioni. Per questo il Comune di Padova ha riproposto anche quest’anno il Viaggio della Memoria, con l’importante contributo della Fondazione Perlasca e della Comunità Ebraica di Padova.

Viaggio_Memoria_Birkenau-2

Il viaggio

Ad accompagnare i 90 ragazzi, provenienti da 5 scuole padovane, erano presenti alcuni professori, il capo gabinetto del sindaco e il consigliere comunale delegato alle politiche giovanili, Enrico Fiorentin. Un viaggio intenso di 4 giorni, svolto con la modalità dell'aula "viaggiante", con spiegazioni ed approfondimenti storici durante tutto il viaggio in pullman. I ragazzi hanno quindi potuto visitare: le “case protette” di Budapest, in cui il padovano Giorgio Perlasca salvò migliaia di ebrei; i campi di Auschwitz e Birkenau, in cui furono uccise più di un milione di persone; la città di Vienna, anch’essa teatro di guerra e di persecuzione di innocenti. Le scuole coinvolte sono state: Tito Livio, Selvatico, Calvi, Cornaro e Marconi. L’organizzazione del gruppo e la logistica due pullman è stata gestita dalla cooperativa sociale La Rosa Blu, con sede a Veggiano. Ottimi i feedback dei ragazzi, che nonostante la sveglia alle 6 del mattino e 8 ore di pullman al giorno hanno potuto vivere un’esperienza unica ed estremamente formativa. Afferma Enrico Fiorentin: «È importante tenere viva la memoria, sia tra gli adulti, sia tra gli studenti verso i quali abbiamo una responsabilità ancora maggiore. L’obiettivo che continuiamo a perseguire è di rendere i giovani consapevoli e, a loro volta, diffusori di una tragedia storica che ha coinvolto milioni di persone e che non si deve più ripetere».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Viaggio_Memoria_foto_gruppo-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Impatto violento tra la sua bici e un'auto: bambino di 9 anni elitrasportato d'urgenza in ospedale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento