Azzardo patologico, Codacons diffida le questure: «Maggiore attenzione sulle licenze»

Con una nota il coordinamento rende noto il contenuto della diffida inviata alle questure venete per chiedere il rispetto delle distanze minime delle sale slot dai luoghi sensibili

Sale slot a pochi passi da scuole, centri di aggregazione giovanile, ospedali, case di riposo, chiese. Con il pericolo che bambini, anziani e persone indifese cadano nella trappola del gioco d'azzardo. Codacons non ci sta e invia un appello alle questure venete, tra cui quella di Padova.

I ruoli di Comuni e questure

Nell'inviare la diffida alle questure di tutta la regione, il coordinamento per la difesa dei consumatori fa appello alle istanze della legge regionale 6/2015 che affida ai comuni la regolazione di sede e orari dei locali che ospitano slot machines. Il rilascio delle licenze per l'apertura di sale gioco, sale Bingo e locali scommesse spetta invece alla questura, come da indicazioni ministeriali. Una recente circolare del Ministero dell'Interno ha chiarito che per concedere la licenza il questore deve tenere conto dei requisiti stabiliti dai Comuni, valutando anche la revoca di licenze già rilasciate nel caso non rispettino gli standard regionali e comunali. In primis la distanza dai cosiddetti “luoghi sensibili”. 

Maggiore attenzione e controlli severi

«Contro il proliferare incontrollato delle sale slot in Veneto» si legge nella nota di Codacons «si chiede alle questure di adottare provvedimenti urgenti a tutela dell'ordine pubblico e della salute dei cittadini». Non c'è tempo da perdere dunque. I casi di locali scommesse e sale giochi aperti nelle vicinanze di luoghi sensibili sono però innumerevoli secondo l'associazione dei consumatori. Con un concreto pericolo per i cittadini. L'invito alle questure è perciò chiaro: avviare indagini approfondite, non rilasciare nuove licenze se non previ controlli accurati e revocare le autorizzazioni ai locali non a norma. 

Un calendario provocatorio

Contro i danni del gioco d'azzardo, Codacons diffonderà in Veneto il calendario 2019, realizzato in collaborazione con Intesa Sanpaolo e dedicato alla lotta alla ludopatia. Dodici scatti “choc” firmati dalla fotografa Tiziana Luxardo che raffigurano il dramma dei giocatori dipendenti patologici con immagini forti e provocatorie.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce dal garage con la Porsche e si maciulla una gamba: grave incidente per un assicuratore

  • Gioca 5 euro, ne incassa 500mila: colpaccio col "Gratta e Vinci" in provincia di Padova

  • Tra incredulità e gioia: al ristorante Radici di Padova si presenta Martin Scorsese

  • Gravissimo scontro tra un'auto e un camion: muore una donna di 52 anni

  • Tragedia sulle montagne trentine: morti due scalatori padovani

  • Tragedia al Portello: dalle acque del Piovego affiora un cadavere

Torna su
PadovaOggi è in caricamento