Il loro modo di dire "Grazie": le Pro Loco padovane regalano soggiorni estivi agli operatori sanitari

Le Pro Loco padovane vogliono dire “Grazie” agli operatori sanitari impegnati in questi mesi con l’emergenza del Covid-19 con l’offerta di 12 soggiorni estivi rivolti a loro e alle loro famiglie

Le Pro Loco padovane vogliono dire “Grazie” agli operatori sanitari impegnati in questi mesi con l’emergenza del Covid-19 con l’offerta di 12 soggiorni estivi rivolti a loro e alle loro famiglie.

Soggiorni gratis

Il periodo storico che stiamo vivendo, è stato e continua ad essere momento davvero “sfidante” che sta mettendo a dura prova il nostro vivere: nuove abitudini, nuove accortezze, nuove buone pratiche, ma anche una nuova consapevolezza e tenacia, come sottolinea Fernando Tomasello, presidente provinciale delle pro loco padovane e vicepresidente nazionale Unpli: «Da sempre, le pro loco dimostrano di saper “fare squadra” ed essere solidali a favore del proprio territorio. Ed è per questo che abbiamo sposato l’iniziativa che ci è stata proposta da una struttura marchigiana vicina al nostro mondo associativo». Il Casale del Conero a Porto Recanati, situato nelle Marche tra le colline della Riviera del Conero, ha messo a disposizione gratuitamente 6 soggiorni settimanali nel proprio residence, dedicati agli operatori sanitari e alle loro famiglie, che operano negli ospedali adibiti a curare il Covid19 e ogni giorno si trovano in prima linea per difendere la nostra salute. Contestualmente il Comitato Provinciale UNPLI Padova di concerto con tutte le pro loco padovane ha voluto aprire una sottoscrizione di raccolta fondi, al fine di implementare i soggiorni a disposizione del personale sanitario di terapia intensiva e di pronto soccorsodell’ospedale di Schiavonia a Monselice e dare così la possibilità ad un maggior numero di operatori di trascorrere un meritato e sereno periodo di vacanza con la loro famiglia. Si è così riusciti a raccogliere fondi per ulteriori 6 soggiorni da donare agli operatori interessati. Le pro loco padovane, nonostante il serio momento di difficoltà, hanno saputo dimostrare il loro grande cuore e per questo vanno ringraziate una ad una. Tanti sono stati i partecipanti che hanno dato la loro adesione, indicando la loro settimana di preferenza e esprimendo molto apprezzamento per l’iniziativa. Sono stati estratti i 12 vincitori ai quali è già stata comunicata la vincita.

Ulss 6 Euganea

Preziosa collaborazione anche dall’Ulss 6 Euganea, che ha raccolto immediatamente la proposta. Dichiara il direttore generale della Ulss 6 Euganea, Domenico Scibetta: «Sono profondamente convinto che la riconoscenza sia la memoria del cuore, pertanto non posso che essere doppiamente grato al presidente Fernando Tomasello e all'Unione delle Pro loco di Padova per questo gesto estremamente generoso nei confronti del personale del Covid hospital "Madre Teresa di Calcutta" di Schiavonia che, fin dalla prima ora dell'emergenza Coronavirus, ha dimostrato grande professionalità, gettando il cuore oltre l'ostacolo. Grazie a chi ci aiuta a dire grazie».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strade insanguinate: perde il controllo dell'auto sui Colli, muore noto barista di 31 anni

  • Tragedia nel pomeriggio: auto esce di strada, morto un 19enne e grave un coetaneo

  • Lutto in questura a Padova: si è spento all'età di 36 anni l'agente delle volanti Michele Lattanzi

  • Coronavirus, Zaia: «Scommettiamo che prima di aprile il virus non se ne andrà?»

  • Violenza in Prato della Valle contro gli agenti di polizia: 4 operatori feriti, 5 arresti

  • Malore improvviso: è mancato nella notte il Primo Dirigente Medico della Polizia di Stato, Massimo Puglisi

Torna su
PadovaOggi è in caricamento