menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto: archivio)

(foto: archivio)

“Spesa SOSpesa”, l'iniziativa comunale per sostenere le persone in difficoltà

L'amministrazione comunale di Albignasego lancia un progetto solidale che permetterà ai cittadini di acquistare generi di prima necessità che verranno poi distribuiti ai bisognosi

Dopo le "lezioni di tecnologia" per adulti e bambini, il comune di Albignasego torna in campo con le iniziative solidali per far fronte all'emergenza Coronavirus.

L'aiuto di tutta la comunità

Per aiutare tutti coloro che in questo momento delicato dal punto di vista della salute ma anche dell'economia, il sindaco Filippo Giacinti ha messo a punto l'iniziativa “Spesa SOSpesa” nell'ambito della settimana della solidarietà in partenza il 3 aprile. «Le misure di contenimento hanno costretto molte attività alla chiusura forzata e il perdurare della situazione sta mettendo in difficoltà anche cittadini che fino a un mese fa non avevano problemi di sostentamento - spiega il primo cittadino - per tanti diventa oggi difficile anche fare la spesa e per questo facciamo appello alla solidarietà di tutti».

Come funziona

Dal 3 al 9 aprile sarà possibile acquistare beni di prima necessità nei punti vendita aderenti, lasciandoli a disposizione della Protezione civile che li raccoglieranno consegnandoli ai Servizi sociali che a loro volta li distribuiranno alle persone in difficoltà. Chi necessitasse di ricevere un aiuto nella spesa deve richiedere l'inserimento nella lista dei destinatari rivolgendosi dal 2 all'8 aprile ai numeri 049.8042257 e 049.804204. Le merci saranno consegnate la settimana prima di Pasqua. I negozi aderenti nel comune sono i supermercati A&O, Alì, Interspar, Lidl, Prix, Lazzarini, i negozi Antichi sapori, Mini market Europa, San Bellino market  e le panetterie Cecchinato e Smile.

Buoni spesa

Sono in fase di elaborazione anche le modalità di distribuzione dei buoni spesa prodotti con i fondi stanziati dal Governo e destinati alle famiglie indigenti. «Stiamo studiando le disposizioni date da Protezione civile e Anci - spiega Giacinti - Una volta determinati i criteri di assegnazione, entro la settimana provvederemo a contattare i negozi aderenti e comunicheremo attraverso i canali istituzionali le modalità per ottenere i buoni».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento