rotate-mobile
IDENTITA'

Arrivano i punti Spid nei quartieri. Una mano per chi non "smanetta" smartphone e pc

Dopo il successo dello sportello a Palazzo Moroni, ne arrivano 3 anche nelle periferie. L'identità digitale è diventata fondamentale per aver accesso ai propri atti, ma non tutti riescono a ricavarlo attraverso gli strumenti tecnologici

Aprono anche nei quartieri gli sportelli Spid, dove chiunque potrà rivolgersi per ottnere un sostegno e ricavare la propria identità digitale. Il 2 novembre è stato aperto, in via sperimentale, il punto Spid all'Urp di Palazzo Moroni, reso permanente poi, nel mese di dicembre. Al Punto Spid dell’Urp di via Oberdan, i cittadini possono avere supporto nell’ottenere il riconoscimento dell’identità personale e nel portare a termine tutta la procedura necessaria per ottenere l’identità digitale.

Come funziona

Una volta ottenuto il riconoscimento dell’identità personale, l’operazione per ottenere lo SPID deve essere infatti completata in autonomia dai cittadini rivolgendosi a uno dei fornitori di Spid che ad oggi hanno aderito al servizio (Poste Italiane, Sielte). Il personale all’Urp e negli uffici comunali dà supporto anche in questa seconda fase, sia durante gli appuntamenti che attraverso un’apposita guida pubblicata in Padovanet che indica passo passo le operazioni da seguire.

Covid

L’iniziativa si inserisce nelle attività che l’Urp del Comune di Padova, in particolare negli anni 2020-2022 a seguito dell’emergenza Covid, ha svolto per supportare, in affiancamento ad altri uffici preposti, l’accesso delle fasce più deboli di cittadinanza ai servizi erogati in modalità digitale, come le richieste dei buoni spesa, dei buoni taxi, la prenotazione dei vaccini e la prenotazione di appuntamenti con uffici comunali non diversamente raggiungibili. Già negli anni precedenti, inoltre, si sono organizzate attività di alfabetizzazione di base rispetto all'uso degli strumenti informatici, compreso lo smartphone.

I numeri

Gli appuntamenti per lo SPID all’URP fino ad oggi sono stati 482, di cui 105 nel mese di novembre, 113 nel mese di dicembre, 217 nel mese di gennaio e 47 a febbraio fino ad oggi. A questi si aggiungono i 29 appuntamenti già richiesti al punto Spid presso il Settore Servizi Demografici - piazza Capitaniato, nel Quartiere 1, aperto il 25 gennaio.

Quartieri

Da domani, 8 febbraio, sarà possibile prenotare gli appuntamenti anche presso i Quartieri 3, 4 e 5. Su Padovanet, sarà infatti possibile prenotare gli appuntamenti anche negli sportelli dislocati nei vari quartieri, nei giorni e orari indicati. Oltre a quelli già attivi all’URP di Palazzo Moroni e ai Servizi Demografici, verranno attivati i seguenti sportelli:

- Quartiere 3, via Boccaccio

martedì 10-13

venerdì 9-12

- Quartiere 4, via Guasti

lunedì 8-10

martedì 9-11

giovedì 15-16

- Quartiere 5, Piazza Napoli

martedì 15-17

giovedì 15-17

mercoledì 11-13

lunedì 11-13

Francesca Benciolini

«L'iniziativa è stata pensata per sostenere le cittadine e i cittadini che vogliono dotarsi di Spid, strumento ormai indispensabile per utilizzare i servizi della Pubblica Amministrazione - evidenzia l'assessora al decentramento, Francesca Benciolini - .Lo spirito della nostra Amministrazione è sempre stato quello di lavorare per la città policentrica, quella dove i servizi stanno lì dove le persone abitano, e l’attivazione di questi sportelli in tutti i quartieri (al quartiere 2 e il quartiere 6 arriveranno a breve) va in questa direzione. Il successo del punto SPID all’Ufficio Relazioni con il Pubblico, che ringrazio per il costante lavoro di raccordo con la cittadinanza, ci ha spinti ad allargare il servizio in ogni quartiere per trovare soluzioni ai bisogni delle persone».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrivano i punti Spid nei quartieri. Una mano per chi non "smanetta" smartphone e pc

PadovaOggi è in caricamento