menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arcella: uno sportello per mediare i conflitti a scuola e nel quartiere

Lo sportello si trova nella Scuola Muratori o nella sede della cooperativa Sestante ed è possibile accedervi su appuntamento attraverso canali social o whatsapp

Uno sportello di mediazione dei dissidi e dei conflitti che possono nascere all'interno delle classi degli Istituti Valle e Briosco e nei condomini e nelle strade del quartiere Arcella: ecco la nuova iniziativa promossa dal progetto Scholé, progetto selezionato da Con i Bambini nell'ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Il nome è tutto un programma: “Facciamo pace”.

I dissidi

La musica ad alto volume è il classico innesco di stressanti conflitti condominiali. Ma i motivi possono essere innumerevoli come l'utilizzo degli spazi del cortile o delle aree per il gioco. E così in classe tra rivalità, gelosie e incomprensioni. In questi casi “Facciamo Pace”, lo sportello di mediazione promosso da Scholé, da la possibilità di parlare con un mediatore che aiuterà a chiarire le posizioni di ciascuno e cercare le possibili soluzioni al conflitto. Il servizio è rivolto ai ragazzi tra gli 11 e i 17 anni e, nel caso, agli adulti coinvolti. «Interveniamo anche in contesti urbani difficili e marginali – sottolinea Pamela Mastrilli della cooperativa il Sestante e responsabile del servizio – per ascoltare e supportare i ragazzi e le loro famiglie nel ritessere relazioni e reti di vicinato”. In casi particolarmente gravi e di estrema marginalità è prevista anche la consulenza legale». Nelle scuole i mediatori di Scholé interverranno anche su sollecitazione dell'insegnante e con interventi in classe con attività interattive e creative utili a comprendere le radici del conflitto e comunicare il dialogo. Da questa settimana verranno garantite delle presenze mensili in zone sensibili dell'Arcella per pubblicizzare il servizio.

Informazioni

Lo sportello si trova presso la Scuola Muratori in via Dignano, 2 o nella sede della cooperativa Sestante in via Dall’Arzere 18/A ed è possibile accedervi su appuntamento attraverso canali social o whatsapp 3938650965 o scrivendo a mediazione@coopilsestante.it. A scuola (alla Briosco e al Valle) le ragazze e i ragazzi (e anche l'insegnante) possono contattare il servizio partecipazione@coopilsestante.it con cui si può organizzare un intervento in classe. Riferimenti per la stampa: 3409299373 comunicazione_upa@cosep.it

Il servizio

Scholé nasce per contrastare la povertà educativa nel quartiere Arcella di Padova. Il progetto, della durata di quattro anni, è stato finanziato con 844mila euro dall'impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Grazie a questo progetto gli Istituti Valle e Briosco, diverranno delle “community school”, aprendo le porte al quartiere oltre l'orario della didattica e rendendoli centri di trasformazione dell'Arcella. Partner di Scholé sono: Cosep Cooperativa sociale (capofila), Istituto Valle, Istituto Briosco, Equality cooperativa sociale, Centro Servizi Volontariato di Padova, Comune di Padova, associazione TechStation, cooperativa Sestante, associazione Domna, associazione Terracrea, Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della socializzazione dell’Università di Padova, Dipartimento di Scienze Statistiche dell’Università di Padova (ente valutatore).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Este: esplode bombola di gas, un uomo ferito gravemente

  • Cronaca

    Auto investe pedone: la vittima è deceduta

  • Sport

    Cittadella, a Empoli è 1 a 1

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento