rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Attualità

Le stelle di Natale dell'Ail tornano a colorare le piazze di Padova e provincia

L'Ail si finanzia solo grazie ai contributi di cittadini e di aziende, in occasione delle campagne di raccolta fondi, come le Stelle di Natale e con iniziative straordinarie quali concerti, rappresentazioni teatrali e manifestazioni sportive

C’è una stella che continua a fiorire per colorare la speranza di chi lotta contro un tumore del sangue: è la Stella di Natale Ail, un’icona della solidarietà. Quest’anno nei giorni 8, 9 10 e 11 dicembre le piante natalizie ritorneranno a colorare le piazze italiane donando la speranza agli ammalati e alle loro famiglie.

Stelle di Natale

Nel centro di Padova e di tutta la sua provincia sono stati predisposti circa 130 banchetti tutti gestiti da volontari Ail. «Su 102 Comuni della provincia di Padova - ha detto Marco Eugenio Brusutti, presidente di Ail Padova - Ail è presente in ben 62 di questi. Ail si fonda su due colonne portanti: la ricerca e l’assistenza. L’una e l’altra vanno di pari passo: una per dare aiuto immediato e nella prossimità a chi è ricoverato, l’altro per donare speranza per curare Abbiamo sempre bisogno di volontari, in particolare di autisti per guidare i mezzi, di signore o ragazze che possano dedicare tempo e creatività ai laboratori per la realizzazione delle bomboniere solidali, di volontari di reparto che dal lunedì al venerdì possano sostenere gli ammalati nei reparti di Ematologia di Padova e di Camposampiero, ma soprattutto abbiamo bisogno di volontari per la proposta nelle piazze delle Stelle e delle Uova Ail per sostenere la ricerca e la cura. Ringrazio il Questore Antonio Sbordone che ci ha ospitato nella sede della Polizia di Stato e per aver sposato la nostra causa e soprattutto grazie a quanti si impegnano per rendere meno dura la vita di quanti soffrono per la malattia».

Ail Padova

L’Ail di Padova è impegnata da 47 anni nella lotta contro le malattie del sangue. Durante questi anni ha sostenuto la nascita del reparto di Oncoematologia Pediatrica, fondato dal prof. Luigi Zanesco, ha contribuito alla formazione del personale medico e paramedico con borse di studio, congressi ed aggiornamenti. Ha dotato i Laboratori di ricerca Scientifica e le corsie del Reparto con le attrezzature più moderne. Dona assistenza domiciliare ai bambini sottoposti a trapianto midollare per curarli nelle loro case. Offre un servizio di supporto psicologico ai pazienti e loro famigliari. Collabora allo studio su nuovi farmaci. Ha dato e dà piccoli contributi alle famiglie in difficoltà economica. Gestisce quattro case di "Accoglienza" (tutte nelle vicinanze del Centro Ospedaliero) per permettere alle famiglie di soggiornare in città durante i periodi di ricovero o trapianto di midollo. Da 26 anni AIL sostiene il reparto di Ematologia di Padova donando ai pazienti più speranza e cercando di rendere la vita più serena. Lo scorso anno è stato creato un gruppo di volontari che collabora tutti i giorni con il personale medico ed infermieristico per fornire assistenza e terapia ai malati. Dalla costituzione del reparto di Ematologia di Camposampiero è a fianco dei malati e delle loro famiglie, anche nell’assistenza psicologica.

Questura di Padova

Sottolinea il Questore Antonio Sbordone: «Ail Padova è una realtà consolidata con cui la Polizia di Stato ha collaborato negli anni in più occasioni. Sono veramente felice di poter dare il nostro piccolo contributo a questa grande progettualità. Le stelle di Natale Ail anche quest’anno coloreranno le nostre case ed i nostri uffici a testimoniare, ancora una volta, il grande senso di solidarietà dei cittadini di questa provincia che primeggia in Italia per la capacità di attrarre risorse ed energie in progetti di volontariato a sostegno di chi soffre». L'Ail si finanzia solo grazie ai contributi di cittadini e di aziende, in occasione delle campagne di raccolta fondi, come le Stelle di Natale e con iniziative straordinarie quali concerti, rappresentazioni teatrali e manifestazioni sportive.

“Sostenere e coltivare l’attenzione agli ammalati e soprattutto dei piccoli ammalati sono valori ai quali la nostra amministrazione rivolge particolare interesse, valori da incoraggiare e salvaguardare soprattutto in questo momento di particolare crisi economica. Sono sicura che anche questo Natale Padova saprà rispondere per aiutare la ricerca e l’assistenza e ridare speranza a chi soffre – ha concluso Cristina Piva, assessora al volontariato del Comune di Padova - L’opera di AIL e dei suoi volontari costituiscono sicuramente un elemento fondamentale per il bene della nostra società. A loro va quindi il mio più sentito grazie”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le stelle di Natale dell'Ail tornano a colorare le piazze di Padova e provincia

PadovaOggi è in caricamento