Il test per le Scuole di specializzazione si farà in presenza: il luogo prescelto è la Fiera

Il Bo è stato scelto come sede di tutte le prove della macro area del Nordest e deve garantire almeno 2245 postazioni. Si stanno definendo i termini dell'accordo per sfruttare 4 padiglioni del complesso di via Tommaseo

I test di ammissione per le Scuole di specializzazione si faranno in presenza. E a quanto pare il luogo prescelto che risponde a tutte le caratteristiche necessarie è la Fiera di via Tommaseo.

L’organizzazione

Il Bo è stato designato come sede d’esame per la macro area del Nordest e il Ministero dell’Università e della Ricerca ha fatto sapere che dovranno essere disposte almeno 2245 postazioni tecnico-informatiche. Queste dovranno rispettare alcuni requisiti tecnici e formali precisi e dovranno essere concentrate in una sola sede, qualora l’Ateneo decida di utilizzare uno spazio esterno. E qui entra in gioco la Fiera, con la quale il Bo ha già avviato un accordo per svolgere le lezioni dal prossimo ottobre: gli spazi più ampi permetteranno di rispettare il distanziamento. 

I costi

Padova Hall, la società che riunisce i soci pubblici del polo di via Tommaseo, ha fatto una proposta di affitto per i 4 padiglioni: 288 mila euro più iva per l’affitto e 18,80 euro più iva come tariffa oraria per pagare il personale dedicato alla vigilanza. Per le 14 date previste per lo svolgimento delle prove dovrebbero essere impiegate 1128 persone, 626 garantite dalla Fiera e 502 fornite dall’Ateneo: ci saranno una persona per aule nelle prove a programmazione locale, due per quelle a programmazione nazionale, un responsabile informatico ogni 40 candidati oltre a un certo numero di giudici che assicurino il regolare svolgimento delle prove. Il costo totale solo della vigilanza ammonterà quindi a un massimo di 137.687 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La prova 

La prova di ammissione nazionale per le Scuole di specializzazione si terrà il 22 settembre e l’organizzazione deve essere serrata. Nei 4 padiglioni dovranno essere disposte isole di 40 postazioni ciascuna oltre a 56 tavolini di accesso per l’identificazione dei candidati, 56 cattedre con pc connesso alla rete wifi, diverse stampanti, microfoni e impianto audio, cartellonistica che spieghi come utilizzare i computer e le regole da tenere in aula. Dei 2245 computer portatili che serviranno, 800 li ha già l’Università. I costi relativi alla strumentazione sono ancora in fase di contrattazione ma la spesa prevista è di circa 100 mila euro, denaro che sarà rimborsato dal Ministero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Formaggi a Villa Contarini, giardini aperti, visite, spettacoli e sagre: il weekend a Padova

  • Focolaio all'asilo notturno del Torresino: 30 positivi al covid su 82 ospiti

  • Occhio al semaforo: attivata la sperimentazione di un nuovo T-Red a Padova

  • Perde il controllo della sua barca dopo un'onda anomala: muore idraulico padovano

  • I cani da adottare a Padova: tutti i cuccioli da accogliere in casa

  • Focolaio del Torresino: una persona positiva tenta la fuga, le forze dell'ordine lo bloccano (Video)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento