rotate-mobile
Attualità

Parte il totonome per il nuovo ospedale, dopo San Leopoldo spunta Tina Anselmi

Partita la raccolta firme su Change.org, ma gli scienziati spingono per Giovan Battista Morgagni

Il nuovo ospedale a Padova Est dedicato a Tina Anselmi. Dopo la proposta dei frati cappuccini di omaggiare San Leopoldo Mandic, quella di una parte dei medici che invece preferirebbe uno scienziato tra Giovanni Battista Morgagni, Andrea Vesalio o William Harvey, spunta anche la proposta delle femministe capitanate da Angela Montemurro, di intitolarlo alla prima ministra donna italiana. Ed è stata così avviata anche una raccolta firme su change.org. «Ha dedicato tutta la vita alla democrazia e ai destini delle donne – si legge nella proposta - nella scuola, laureata in lettere, ha insegnato nelle scuole elementari. Nel sindacato, nel movimento femminile della Democrazia Cristiana, in Parlamento: deputato per sei legislature, è stata ministra della Sanità, e ministra del Lavoro. Si deve a lei la legge sulle pari opportunità. Il Servizio Sanitario Nazionale fu istituito con la legge n. 833/1978 a partire dal 1° luglio 1980: la riforma, proposta proprio dall'allora Ministra della Sanità Tina Anselmi, si basava sul principio della tutela della salute come bene imprescindibile e fruibile da parte di tutta la comunità, incaricando di conseguenza il governo di reperire le risorse per renderne pubblico l'accesso». Di nomi finora ce ne sono in abbondanza e l'asta è aperta, ma l'ospedale è ancora solo su carta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parte il totonome per il nuovo ospedale, dopo San Leopoldo spunta Tina Anselmi

PadovaOggi è in caricamento