rotate-mobile
Attualità

Tram, la terza linea verso la progettazione definitiva. Il 2 aprile la consegna

La società incaricata adesso avrà 90 giorni di tempo dopo aver recepito il lavoro fatto precedentemente

Relativamente alla progettazione della linea SIR 2 – SMART, gara aggiudicata a MM S.p.A. (mandataria) con E-Farm Engineering & Consulting S.r.l. - INGEROP Conseil & Ingénierie - INGEROP T3 S.L.U.- PARALLAB S.r.l. - Studio di Geologia Federico Pizzin - Mandanti -, il gruppo di progettazione ha chiuso la prima parte dell’incarico che prevedeva l’aggiornamento del progetto finanziato (PNRR) con il recepimento dei contenuti informativi propri delle indagini e rilievi svolti dalla stazione appaltante; l’analisi, l’approfondimento - anche in merito alla fattibilità - delle indicazioni e osservazioni emerse nel corso del Dibattito pubblico e riportate nella documentazione conclusiva del Dibattito Pubblico; l’analisi, l’approfondimento - anche in merito alla fattibilità - delle indicazioni, richieste e osservazioni da parte degli enti locali interessati e degli enti gestori dei sottoservizi in occasione degli incontri tecnici.  

Il lavoro

Il lavoro di approfondimento e analisi è stato molto corposo e dettagliato e ha portato varie migliorie.   Solo per fare alcuni esempi:  è stata ottimizzata la coesistenza tra la possibilità di scorrimento di auto e tram consentendo al contempo un' implementazione dei tratti a sede riservata senza tuttavia penalizzare il traffico privato. Per quanto possibile, sono state recepite le richieste provenienti dal dibattito pubblico di non penalizzare le aree di sosta lungo i tratti più significativi, con particolare attenzione ai frontisti e alle attività commerciali.   E’ stato definito l’interscambio della stazione, dove convergeranno tutte e tre le linee, con una soluzione che ottimizza il funzionamento in soluzione di continuità delle tre linee. A seguito della consegna dei nuovi elaborati, si sono svolti gli incontri previsti dal protocollo di collaborazione tra i comuni coinvolti e, in data 2 gennaio 2023, è stata avviata la progettazione definitiva che ha una durata di 90gg con consegna prevista per il 2 aprile prossimo. Secondo cronoprogramma, alla consegna seguirà dunque la procedura per l’approvazione del progetto definitivo da parte delle Istituzioni preposte e successivamente la gara per l’appalto integrato che dovrà essere assegnato entro il 2023 e prevederà la progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori con conseguente l’avvio dei cantieri previsto per il 2024.  

L'amministrazione

Il sindaco Sergio Giordani dichiara: «A noi piace l’ecologia e il rispetto dell’ambiente dei fatti e non delle parole. Completare il tram e farlo bene è una vera e propria missione per il nostro benessere futuro e ci stiamo mettendo tutto l’impegno del caso. Se consideriamo le dimensioni di Padova e i km di linee sostenibili che avremo nel nostro Comune entro il 2026 comprendiamo che questi 335 milioni sono per un’opera che porta Padova in una dimensione nuova, quella di una città a basse emissioni, che tutela la salute dei cittadini oltre alla comodità negli spostamenti e con una delle infrastrutture tranviarie più capillari ed efficienti di tutta Europa. Abbiamo compiuto un altro importante passo avanti». L’assessore alla mobilità Andrea Ragona dichiara: «Con i tecnici comunali, con Aps e con i progettisti stiamo lavorando in maniera alacre a questo progetto. Dietro un’opera simile si nascondono mesi di progettazione, che avrà il plus di aver recepito anche molte sollecitazioni che sono arrivate dal territorio attraverso il dibattito pubblico. Il confronto con la cittadinanza è stato fruttuoso, e ora andiamo avanti col lavoro».  

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tram, la terza linea verso la progettazione definitiva. Il 2 aprile la consegna

PadovaOggi è in caricamento