Urbanismo tattico: la città costruita dai cittadini

Se ne parlerà mercoledì 8 gennaio alle ore 18.00 al Liceo Curiel, in via Durer 14 all'Arcella. Introdurrà l'argomento l'architetto Enrico Lain

Uno dei primi e più clamorosi esempi di urbanismo tattico si è avuto in Olanda dove i cittadini della città di Delf, assillati dagli incidenti stradali e dall'inquinamento, hanno nottetempo rimosso parti della pavimentazione stradale costringendo i veicoli a rallentare e costruendo così il promo esempio di strada a misura d'uomo - i woonerf, dove le auto transitano molto piano e sono privilegiati gli spazi per pedoni e ciclisti - che poi saranno istituiti negli anni '70 dalle autorità olandesi e sono diffusissimi in tutto il nord Europa.

Gioco

Tra le esperienze italiane citiamo l'intervento effettuato a Rosarno, in provincia di Reggio Calabria, dove sotto un viadotto in un quartiere periferico sono state installate due porte da calcetto, una rete di pallavolo, un canestro, due spalti e una parete bianca per le proiezioni. Il tutto realizzato in una settimana e con i ragazzini del quartiere come protagonisti.

Soluzioni per la città

Un altra esperienza è quella di Torino dove nel 2010 un gruppo di cittadini ha realizzato un “park(ing)-day” cioè un parco temporaneo costruito su un parcheggio (vedi foto) con dei pallet e un manto erboso. L'esperienza torinese prende esempio dal movimento nato spontaneamente nel 2005 a San Francisco che mira alla riappropriazione delle strade e degli spazi pubblici a partire dall’usi degli stalli di sosta per gli autoveicoli, che vengono trasformati, per un giorno all’anno parcheggi a “parchetti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Incontro pubblico

L'incontro è all'interno del progetto Arcella in&out promosso da una alleanza di partner pubblici e privati, con capofila l'Istituto Superiore Valle, Liceo "E. Curiel", Istituto Comprensivo "A. Briosco", ENAIP Veneto, COSEP Società Cooperativa Sociale, Università IUAV di Venezia, Ordine degli Architetti, Associazione Arcella Ground, Associazione Gli Enarmonici, Comune di Padova, Target Due S.r.l.. Arcella In&Out ha vinto un bando promosso dal Ministero per i beni e le attività culturali e le attività si svolgono tra novembre 2019 e maggio 2020. Arcella In&Out ha come finalità la rigenerazione urbana di un'area del quartiere Arcella di Padova, in particolare attraverso il coinvolgimento attivo dei cittadini del quartiere in laboratori ed attività, tra cui alcune di progettazione partecipata, promosse principalmente dalle scuole nei propri spazi. Scuole che si aprono alla città dopo l'orario scolastico tradizionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giordani: «Mia figlia vive un momento delicato, per alcuni giorni mi asterrò da qualsiasi attività pubblica»

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Il Giro d'Italia arriva a Monselice: strade chiuse dalle 12.30, dodici i comuni interessati

  • Grave incidente sul lavoro al centro raccolta rifiuti di via Montà: morto un operaio

  • Coronavirus, Zaia: «Ho l'impressione che questo Dpcm sia solo un "riscaldamento a bordo campo"»

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e nel Veneto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento