Domenica, 17 Ottobre 2021
Attualità

“Venere… nonostante tutto”, la femminilità in primo piano anche durante le terapie

L’istituto coinvolgerà i suoi studenti, con la supervisione dei docenti, nella sistemazione delle parrucche dell’associazione attraverso il lavaggio e l’igienizzazione

Da una parte c’è la volontà delle donne di continuare a volersi bene, anche durante la malattia, dall’altra c’è una futura professione che donerà momenti di benessere; a metterle insieme - creando uno scambio di competenze che arricchisce entrambe le parti - ci pensa il progetto “Venere…nonostante tutto”.

Il progetto

Protagonisti dell’iniziativa sono l’associazione Volontà di Vivere, che da quarant’anni offre servizi di riabilitazione psico-fisica ai pazienti oncologici e ai loro familiari (in particolar modo alle donne operate al seno), e l’Istituto di estetica Victory Tng di Padova (con sede a Vicenza), che da anni si occupa della formazione dei giovani nell’ambito estetico. «Venere… nonostante tutto è nato da un’idea maturata dopo un primo incontro della nostra associazione nell’istituto durante la “giornata particolare” del dicembre 2018 – racconta Anna Donegà, presidente di Volontà di Vivere - In quell’occasione ci siamo presentati agli studenti, informandoli sulle nostre attività e dialogando sulle potenzialità del loro corso di studi, abbiamo compreso quanto il loro contributo nel valorizzare la femminilità e la cura di sé, soprattutto durante il percorso oncologico, sarebbe stato un aiuto concreto, prezioso e positivo per il recupero psicofisico. D’altro canto avremmo avuto la possibilità di sensibilizzare gli studenti dell’istituto sulla malattia oncologica, per un futuro lavorativo più consapevole. Quindi abbiamo sviluppato l’idea insieme ad Elena Burri e Tatiana Ierardi preside e professionista dell’istituto Victory, fino ad arrivare al progetto com’è oggi».

Incontro coi medici

Il progetto parte con una formazione a cura delle nostre professioniste pensata sia per i docenti – grazie a Anna Luisa Mariggiò, psiconcologa – sia per gli studenti – con Chiara Vitalone, psicologa. I ragazzi poi avranno modo di incontrare due medici: il primo è Carlo Alberto Giorgi, oncologo dello IOV di Padova che spiegherà in cosa consiste il percorso delle cure e risponderà ad alcuni quesiti, darà informazioni e consigli mirati su ciò che si può fare o non fare, dal punto di vista pratico, al malato oncologico. Poi sarà la volta di Matteo Bordignon, dermatologo, invece, oltre ad informare sugli aspetti che riguardano nello specifico la cute delle persone trattate da radio e/o chemioterapia, affronterà le peculiarità dermatologiche del paziente, fornendo delle indicazioni precise sui limiti da adottare in ambito estetico. Dopo l’adeguata formazione saranno gli studenti insieme ai docenti a portare le loro competenze nella nostra associazione; tra marzo e aprile sono previsti infatti tre incontri con le nostre volontarie e utenti. Si partirà imparando a leggere i componenti dei cosmetici sulle etichette, passando poi a scoprire come preparare la pelle a ricevere un trattamento cosmetico e infine si concluderà con le lezioni pratiche di make up. L’istituto Victory, inoltre, coinvolgerà i suoi studenti, con la supervisione dei docenti, nella sistemazione delle parrucche dell’associazione attraverso il lavaggio e l’igienizzazione, il taglio e la rimessa a nuovo, ove necessiti, la piega e l’asciugatura. A tal proposito gli studenti hanno espresso il desiderio di mettere una loro frase accompagnata dal proprio nome, alla parrucca acconciata. Un gesto di grande sensibilità che dimostra quanto la collaborazione tra scuola e associazione sia stata accolta con partecipazione e serietà.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Venere… nonostante tutto”, la femminilità in primo piano anche durante le terapie

PadovaOggi è in caricamento