Veneto Food Ecellence 2020: premiati in Fiera i 5 ristoratori padovani per "eccellenza"

Alajmo: «Per quanto riguarda Padova c’è ancora molto lavoro da fare ma, soprattutto nelle generazioni più giovani, vedo una crescita e una vivacità che fanno ben sperare»

Si è svolta lunedì 12 ottobre, presso la Fiera di Padova, nell’ambito della giornata di presentazione della manifestazione “Tecnobar&food 2021”, la premiazione di 44 ristoranti veneti di eccellenza, selezionati attraverso la comparazione delle tre guide gastronomiche più note e diffuse (Michelin, Gambero Rosso ed Espresso). L’iniziativa, denominata “The Land of Venice – food excellence” è stata organizzata da FIPE - Federazione Italiana Pubblici Esercizi / Confcommercio - del Veneto, con il patrocinio e il contributo della Regione Veneto.

Immagine positiva

«Il premio “Food Excellence” – ha ricordato Erminio Alajmo, Presidente di FIPE Veneto e APPE Padova – è un segno di riconoscenza per l’immagine positiva che questi operatori danno al nostro territorio, sul piano nazionale e internazionale: un segnale di attenzione alla tenacia e alla dedizione di questi imprenditori, che la Regione Veneto ha voluto sostenere sin dalla prima edizione». Alajmo ha voluto anche ricordare il ruolo della ristorazione per il turismo e le tipicità agroalimentari locali: «I ristoranti premiati – ha dichiarato – rappresentano la punta di un lavoro straordinario svolto quotidianamente dai quasi 20mila pubblici esercizi veneti, un bene prezioso da sostenere e valorizzare con un impegno costante nella formazione e nell’aggiornamento, per assicurare alla prima regione turistica italiana adeguati standard qualitativi».

I premiati

Tra i 44 ristoranti premiati a livello regionale, 5 sono della provincia di Padova:

“Le Calandre” di Rubano della famiglia Alajmo;

“La Montecchia” di Selvazzano Dentro, sempre della famiglia Alajmo;

“Lazzaro 1915” di Pontelongo, gestito dalla famiglia Siviero;

“Storie d’Amore” di Borgoricco, con lo chef Davide Filippetto e il maitre Massimo Foffani;

“19.94” di Padova, guidato dal patron Alessandro Rotolo e dallo chef Stefano Agostini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Per quanto riguarda Padova – dichiara Alajmo, nella duplice veste di ristoratore premiato e di Presidente – c’è ancora molto lavoro da fare ma, soprattutto nelle generazioni più giovani, vedo una crescita e una vivacità che fanno ben sperare». La premiazione si è svolta a conclusione della tavola rotonda sulle strategie per il rilancio del settore food&beverage, con la presentazione dei dati raccolti dall’Osservatorio sull’andamento e sulle nuove tendenze del comparto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Coronavirus, il prof. Ursini difende Andrea Crisanti: «Parole sgradevoli dal professor Palù»

  • Coronavirus, Zaia: «Ho l'impressione che questo Dpcm sia solo un "riscaldamento a bordo campo"»

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e nel Veneto

  • Incidente a Legnaro, investito un pedone sulle strisce: portato in ospedale con codice rosso

  • Coronavirus, Zaia: «La situazione di oggi è sopportabile, quella di domani non lo so»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento