menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Filomena Lamberti

Filomena Lamberti

Picchiata per trent'anni e sfigurata con l'acido dal marito: la storia di Filomena Lamberti

Visita in Provincia per Filomena Lamberti, a Padova per raccontare le sue sofferenze e la sua esperienza in occasione della presentazione del suo libro “Un’altra vita”

Un vero esempio: il presidente della Provincia di Padova Fabio Bui e il vicepresidente Vincenzo Gottardo hanno accolto nella sede di piazza Bardella, Filomena Lamberti, la donna vittima di violenza sfigurata con l’acido dal marito nel 2012.

Filomena Lamberti

Filomena è a Padova per raccontare le sue sofferenze e la sua esperienza in occasione della presentazione del suo libro “Un’altra vita”. Una donna che porta sul proprio volto la prova di un amore malato, di una violenza inaudita, ma che nel contempo dimostra la capacità di riemergere da una vita fatta di maltrattamenti. Afferma Fabio Bui: «La violenza sulle donne è ancora una grande piaga della nostra società. Ogni giorno in Italia e nel mondo sentiamo casi di donne abusate e aggredite dai propri uomini, spesso all’interno delle mura domestiche. L’occasione di incontrare Filomena Lamberti è stata quindi propizia per accogliere la sua esperienza e riaccendere l’attenzione su questo problema purtroppo così attuale». Il racconto di Filomena fa rabbrividire, anche perché è una violenza che è durata più di trent’anni, compiuta dal marito che la picchiava anche in presenza dei loro tre figli. Non è mai riuscita a denunciarlo, non riusciva a separarsene per diversi motivi, uno tra questi la mancanza di indipendenza economica e il fatto di non poter più avere un tetto sopra la testa. «Il nostro obiettivo - ha aggiunto Vincenzo Gottardo - è quello di collaborare per porre fine a questi crimini ingiustificabili e per ricordare a tutti che il rispetto è alla base di ogni rapporto e che non possiamo continuare a veder crescere il numero delle donne che subiscono violenza. Ogni donna che subisce soprusi deve avere il coraggio di rivolgersi ai centri specializzati, denunciare e farsi aiutare. Il suo libro non è un romanzo, è il coraggio di testimoniare».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento