menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il vescovo Claudio Cipolla

Il vescovo Claudio Cipolla

Un momento storico: il vescovo Claudio Cipolla in visita alla sinagoga di Padova

Mercoledì 30 ottobre il vescovo di Padova, mons. Claudio Cipolla incontrerà per la prima volta da quando è alla guida della Chiesa padovana la comunità ebraica, in sinagoga a Padova, dove sarà accolto dal presidente della comunità avv. Gianni Parenzo e dal rabbino Adolfo Aharon Locci

Mercoledì 30 ottobre il vescovo di Padova, mons. Claudio Cipolla incontrerà per la prima volta da quando è alla guida della Chiesa padovana la comunità ebraica, in sinagoga a Padova, dove sarà accolto dal presidente della comunità avv. Gianni Parenzo e dal rabbino Adolfo Aharon Locci.

La visita

L’incontro intende, a 25 anni dalla prima visita del vescovo di Padova in Sinagoga (era il 21 giugno 1994) rinsaldare i rapporti di amicizia tra la chiesa cattolica e la comunità ebraica di Padova e prevede la partecipazione di una rappresentanza della Comunità ebraica, una delegazione della Diocesi di Padova, le autorità cittadine. L’appuntamento è per mercoledì 30 ottobre alle ore 18 in Sinagoga (via San Martino e Solferino 13).

Terza volta

Quella di mercoledì 30 ottobre è la terza visita di un vescovo di Padova alla Sinagoga della città. La prima si svolse il 21 giugno 1994, a pochi mesi dell’accordo fra lo Stato di Israele e la Santa Sede (30 dicembre 1993). In occasione della storica firma il vescovo di Padova, mons. Antonio Mattiazzo scriveva all’allora rabbino di Padova Achille Simone Viterbo: «Signor Rabbino, in questo giorno, in cui è firmato un accordo fondamentale tra lo Stato di Israele e la Santa Sede, sono lieto di esprimerLe, insieme con la più viva soddisfazione per questo atto storico, anche il mio desiderio di poter incontrare in forma ufficiale la Comunità ebraica di Padova (…)». E si auspicava di poter replicare quanto papa Giovanni Paolo II aveva da poco compiuto a Roma.  Pochi giorni dopo – il 13 gennaio 1994 – il rabbino Viterbo rispose al vescovo: «Le comunico che sarò lieto di riceverLa nella nostra Sinagoga. Ho fatto conoscere al Consiglio della Comunità il Suo desiderio di incontrare gli ebrei di Padova; la Sua iniziativa e l’annuncio di una Sua visita in terra d’Israele con una rappresentanza ufficiale della Diocesi di Padova sono stati dovutamente apprezzati. Desidero porgerLe i miei più sentiti ringraziamenti per questi segni di attenzione alle vicende del popolo di Israele in diaspora e nella Terra dei Padri (…)».La seconda visita si svolse il 28 aprile 2015, ultimo anno di episcopato di mons. Antonio Mattiazzo, che venne accolto in Sinagoga dal presidente della Comunità Ebraica ing. Davide Romanin Jacur e dal Rabbino Capo Adolfo Aharon Locci.   E ora la terza visita di un vescovo di Padova, che rappresenta anche la prima di mons. Claudio Cipolla, a sancire 25 anni di rapporti tra la Chiesa di Padova e la Comunità ebraica, consolidati anche dal lavoro che da oltre 30 anni sta portando avanti il Gruppo di studio e di ricerca sull’ebraismo, con incontri mensili, e all’organizzazione annuale della Giornata del Dialogo Ebraico Cristiano, che è una Giornata per l’approfondimento e lo sviluppo del dialogo tra cattolici ed ebrei, il 17 gennaio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento