menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Presidente Zaia durante il punto stampa con l'assessore Lanzarin e la dottoressa Russo

Il Presidente Zaia durante il punto stampa con l'assessore Lanzarin e la dottoressa Russo

Zaia: «Campagna vaccinale: dosi in ritardo ma la macchina funziona. Settimana prossima Veneto zona Arancione»

«Ho parlato questa mattina con il Ministro Speranza: l'unica cosa che resta da chiarire sarà il giorno in cui inizierà la zona arancione per il Veneto: in teoria da mercoledì 7 aprile ma non è escluso che alcuni asili nido aprano già martedì». Sui vaccini: «Consegne in ritardo, Dalla prossima settimana arriveranno 150mila vaccini a settimana in Veneto»

Anche oggi, venerdì 2 aprile, il presidente della Regione, Luca Zaia, ha tenuto un punto stampa per comunicare le ultime novità su Covid-19 in Veneto. Insieme a Zaia, nella sede della protezione civile regionale di Marghera, l'assessore regionale alla sanità Manuela Lanzarin. «La luce in fondo al tunnel si vede e non è un treno: i ricoveri ospedalieri in Veneto stanno diminuendo. Oggi la fascia d'età più colpita va dai 45 ai 64 anni e ci sono ancora 2.328 studenti, dai 7 ai 14 anni, attualmente positivi al virus».

Dati

Il presidente del Veneto ha anticipato la novità che partirà da dopo Pasquetta. «I dati sui contagi e sui ricoveri migliorano e si abbassa l'età media dei positivi, segno che le vaccinazioni funzionano». Il Presidente ha commentato i dati del bollettino sull'epidemia da Covid-19. Un bollettino che mostra altri 1597 nuovi contagi nelle ultime 24 ore su 39925 con un'incidenza del 3,9%. In Veneto sono in flessione gli attualmente positivi: 37999 oggi contro i 38040 della giornata di ieri. Diminuiscono anche i ricoveri: oggi sono 2230 (-12) i pazienti in ospedale, dei quali 299 in terapia intensiva. Sono purtroppo 29 decessi nelle ultime 24 ore.

Scuole

«Dalla prossima settimana saremo zona arancione. Da mercoledì riaprono: scuole dell'infanzia, asili nido, elementari e medie. Istituti superiori in presenza solo al 50% fino al 30 aprile. Se non cambia il "Decreto Draghi" e i dati del contagio non tornano a salire resteremo in arancione fino al termine di aprile - ha detto il Presidente - Ho parlato questa mattina con il Ministro Speranza: l'unica cosa che resta da chiarire sarà il giorno in cui inizierà la zona arancione per il Veneto: in teoria da mercoledì 7 aprile ma non è escluso che alcuni asili nido aprano già martedì. Dopo la riapertura degli istituti partiremo con i monitoraggi sulle scuole superiori sentinella e con i test rapidi nelle classi terze medie. Per questo fine settimana sarà ancora vietato andare nelle seconde case in Veneto. Con la zona arancione la responsabilità tornerà in capo ai cittadini».

Vaccini

Se da una parte il bicchiere è mezzo pieno, dall'altra bisogna ancora attendere per l'arrivo delle dosi. «La macchina vaccinale veneta funziona, lo dimostrano i dati di questa settimana. Ma dobbiamo fare i conti con le dosi che scarseggiano, siamo in attesa. I lotti che avremmo dovuto a disposizione stanno arrivando in ritardo, è questo il problema. Le dosi del vaccino prodotto da Moderna arrivano oggi, quelle di AstraZeneca domani. Il commissario Figliuolo ha però assicurato che sono in arrivo un numero consistente di dosi. Dalla prossima settimana arriveranno 150mila vaccini a settimana in Veneto». Infine il Presidente ha parlato del sistema di prenotazione messo a punto dalla Regione: «Il portale per le prenotazioni e il numero verde stanno funzionando: chi non riesce a prenotarsi è perché o non c'è disponibilità di vaccini oppure perché non rientra nelle categorie previste che, per adesso, sono: Over 70, disabili e categorie fragili».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento