menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Zaia: «Non abbiamo ancora imboccato la discesa, curva altalenante. E' il vaccino la luce in fondo al tunnel»

Il Presidente ha evidenziato come si sia entrati in una nuova fase: «Siamo la Regione che vaccina di più. L'effetto del vaccino imporrà il cambiamento dei parametri per decidere restrizioni e regole. Ci vorrà il buon senso nel mediare tra la voglia di aprire e chi invece vorrebbe tutto chiuso»

Riprende il consueto appuntamento dalla sede della Protezione Civile di Marghera con gli aggiornamenti sulla pandemia da parte del Presidente della Regione, Luca Zaia, e l'assessore alla sanità regionale, Manuela Lanzarin. 

Bollettino

«I positivi al coronavirus trovati nelle ultime 24 ore sono 507 - ha illustrato Zaia - Su 9.888 tamponi eseguiti, i 507 positivi rappresentano il 5,13%. Il totale dei positivi attuali in Veneto è in calo e siamo a 36.986. Aumentano però i ricoverati per Covid, che sono saliti a 2.287. In terapia intensiva ci sono 315 pazienti per Covid e negli altri reparti sono 1.972. E nelle terapie intensive, i pazienti non Covid sono 264».

Zona arancione

Il Presidente, ha evidenziato che oggi, martedì 6 aprile, pur se si è tornati in zona arancione, i rischi restano alti: «Meno restrizioni vogliono dire che ci vuole responsabilità nei comportamenti individuali», ha sottolineato Zaia. «Bisogna essere corretti guardando i dati: c'è da un lato una pressione sanitaria, che sosteniamo, ma è innegabile che ci siano problemi di tipo sociale, economico, psicologico al quale bisogna pensare. L'effetto del vaccino imporrà il cambiamento dei parametri per decidere restrizioni e regole. Va rivisto il modello di fronte a questa mole di vaccinazioni. Ci vorrà il buon senso nel mediare tra la voglia di aprire e chi invece vorrebbe tutto chiuso. Abbiamo iniziato un percorso ma bisogna continuare a vivere in sicurezza». 

Vaccini

Il presidente del Veneto ha aggiornato sull'andamento della pandemia, parlando anche della campagna vaccinale. «Abbiamo esaurito le dosi di Pfizer», ha chiarito subito. «Arriveranno in settimana altre dosi, ma non Pfizer. A disposizione ci sono 39547 dosi di vaccino prodotto da Moderna e 99429 di quello di AstraZeneca. Per mercoledì 7 aprile riunione con tutti i direttori sanitari della regione per l'introduzione di alcune novità da introdurre nella campagna di vaccinazione. «Le vaccinazioni sono la luce in fondo al tunnel. Pensiamo ad esempio che abbiamo cancellato i focolai dagli ospedali, e l’abbiamo fatto con il vaccino».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento