Venerdì, 14 Maggio 2021
Attualità

Zaia: «Numeri in calo ma serve prudenza. Commissione d'inchiesta su seconda ondata? Facciamola»

I consiglieri regionali dell'opposizione si sono dati appuntamento all'esterno della sede della Protezione Civile e hanno manifestato l'intenzione di chiedere l'istituzione di una commissione d'inchiesta sulla gestione della seconda ondata della pandemia in regione

Oggi, 3 maggio, in compagnia dell'assessore alla sanità Manuela Lanzarin, il presidente della Regione Luca Zaia ha fatto un nuovo aggiornamento sulla situazione relativa al Covid-19 in Veneto, dalla sede della Protezione Civile di Marghera. Il presidente della Regione ha fornito come sempre innanzi tutti i dati aggiornati alle ore 8 di questa mattina.

Dati

Nelle ultime 24 ore sono 364 i contagi contagi "scovati" 9537 tamponi - tra rapidi e molecolari - con  un'incidenza del 3,82%. Gli attualmente positivi sono 21923, metà dei quali sintomatici e metà asintomatici. Circa il 5 - 7 percento di loro finisce in ospedale. Nei nosocomi veneti a oggi ci sono 1391 ricoverati, 1208 (-1) dei quali in area non critica e 183 (+1) in terapia intensiva. Nell'arco di una giornata sono decedute altre 4 persone. «Da un po' di giorni - evidenzia Zaia -i numeri sono in calo ma non in manierà così importante. La curva delle  intensive decresce lentamente ma comunque non c'è una fase di stallo, ma le infezioni hanno esordi a volte imprevedibili La buona stagione dovrebbe aiutarci un po' di più ma non è il salvacondotto per evitare assembramenti»-

Vaccini

Nell'ultimo giorno sono stati fatti 37mila vaccini in Veneto, per un totale di 1.750.522 vaccinati con almeno una dose «Siamo a 12mila dosi sopra al target fissato - ha spiegato Zaia - in magazzino ci sono 275mila dosi, possiamo arrivare fino a 50mila prenotazioni al giorno». Nel dettaglio, la vaccinazione degli over 80 è arrivata al 96,7%, dai 70 ai 79 il 72,4%, dai 60 ai 69 il 30,4%. «Faccio appello alla categoria 60-69: prenotatevi, i posti ci sono».

Opposizione

Poco prima dell'inizio dell'incontro con la stampa, i consiglieri regionali dell'opposizione si sono dati appuntamento all'esterno della sede della Protezione Civile e hanno manifestato l'intenzione di chiedere l'istituzione di una commissione d'inchiesta sulla gestione della seconda ondata della pandemia in regione. «Mai rifiutato di attivare commissioni d’inchiesta, ne abbiamo richiesta anche una noi sulle Rsa, ma è ancora ferma lì», ha commenta Zaia. Il Presidente ha anticipato che nella prossima seduta del Consiglio Regionale che si svolgerà il 4 maggio a Venezia ci saranno tutti i tecnici della Regione per rispondere alle domande dei consiglieri sulle scelte fatte in queste mesi rispetto alla gestione della pandemia. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zaia: «Numeri in calo ma serve prudenza. Commissione d'inchiesta su seconda ondata? Facciamola»

PadovaOggi è in caricamento