rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Attualità

Zaia: «Preoccupa la mutazione del virus: per chi arriva dalla Gran Bretagna obbligo di tampone»

Diventano obbligatori i test per tutti i soggetti che arrivano dalla Gran Bretagna: «L'appello è alle persone che sono state in Gran Bretagna, che ce lo segnalino. E' importante comprendere se è presente la mutazione del virus anche da noi»

Il Presidente della Regione, Luca Zaia, nel corso del consueto punto stampa dalla sede della protezione civile di Marghera ha aggiornato sulla nuova ordinanza che regola l'arrivo di soggetti che sono rientrati dalla Gran Bretagna, anche nelle settimane precedenti alla notizia del nuovo virus. «L'appello è alle persone che sono state in Gran Bretagna, che ce lo segnalino. E' importante comprendere se è presente la mutazione del virus anche da noi. Ogni misura di sanità pubblica può contenere la diffusione del virus, ma fino a un certo punto. La natura deve fare il suo corso, con i provvedimenti si cerca di contenere un rischio».

Gran Bretagna

Non ci dovrebbero essere positivi tra i passeggeri arrivati dall'aeroporto di Venezia i quali sono stati tutti sottoposti a tampone. Si stanno invece rintracciando i passeggeri giunti all'aeroporto di Verona. Della mutazione del virus si sa ancora troppo poco: «Questa è una mutazione di cui si sa poco o nulla fino a ora. Da quei pochi pazienti individuati nel mondo l'unica cosa è certa è l'età media, sono tutti under quaranta. Ci vuole pazienza, non c'è nulla di certo al momento». I test, ha spiegato il Presidente, individuano anche questa nuova mutazione. Fino ad ora non è stato riscontrato alcun caso di questo tipo in Veneto. Zaia ha invitato tuttti coloro che sono arrivati con mezzi alternativi dalla Gran Bretagna di contattare subito il propro medico e di sottoporsi a tampone: «Ci vuole tanto senso civico in questi momenti, da parte di tutti». 

Vaccino

Il Presidente Zaia ha anticipato che mercoledì 23 dicembre, insieme alla dottoressa Russo, sarà presentato il piano delle vaccinazioni della Regione Veneto proprio durante il punto stampa delle 12 e 30. Il Presidente Zaia si è detto scettico sulla riapertura delle scuole: «Da qui al 7 gennaio molte cose possono cambiare, è prematuro parlarne ora. Sulla riapertura delle scuole sono d'accordo col prof. Palù, è molto rischioso». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zaia: «Preoccupa la mutazione del virus: per chi arriva dalla Gran Bretagna obbligo di tampone»

PadovaOggi è in caricamento