menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Zaia: «Veneto, dati da zona Gialla. Il coprifuoco alle 22 danneggia turismo e mina patto sociale»

Il Presidente si è espresso sul nuovo decreto del Governo e sì è detto possibilista riguardo il passaggio di colore, da zona arancione a zona gialla, il Veneto. A dar forza al pensiero di Zaia i buoni dati sull'emergenza coronavirus

Anche nella mattinata del 22 aprile, il presidente della Regione Luca Zaia e l'assessore regionale della sanità Manuela Lanzarin hanno aggiornato i cittadini sull'emergenza Covid in Veneto. Il Presidente si è espresso sul nuovo decreto del Governo e sì è detto possibilista riguardo il passaggio di colore, da zona arancione a zona gialla, il Veneto. A dar forza al pensiero di Zaia i buoni dati sull'emergenza coronavirus. 

Usa e turismo

Il Presidente Zaia si è espresso anche riguardo le indicazioni che il governo Usa e pubblicata dal consolato statunitense in Italia, che sconsiglia di viaggiare nel nostro Paese, quindi anche in Veneto. «Gli americani che viaggiano scelgono il Veneto. Ma sappiamo tutti che per conquistare i clienti ci si mette del tempo, perderli è invece un attimo. Ma come possiamo pensare che un turista scelga di viaggiare in un Paese dove alle 22 deve rientrare in albergo o in campeggio? La mia considerazione è che bisogna rivalutare le linee guida delle regioni». Il coprifuoco, ha anche spiegato Zaia, «rischia di mettere a rischio il patto sociale che si è creato dai cittadini per contenere la pandemia». 

Scuola

Il Presidente Zaia ha anche fatto notare che le Regioni, su input del Veneto, avevano chiesto venisse mantenuta la presenza al 60%, mentre il Governo ha optato per il 70%. La questione dei trasporti è vitale in questo momento, i mezzi per garantire lo spostamento mantenendo le prescrizioni anti Covid non sono numericamente abbastanza. «Oggi pomeriggio ci sarà un nuovo incontro tra i presidenti di regione proprio per capire se il Decreto approvato ieri possa essere ancora modificato seguendo le nostre linee guida. Faccio un esempio su tutti, le scuole: dal 100% siamo passati al poter riaprire dal 60% in su e adesso il limite è stato alzato al 70% degli studenti in presenza. Speriamo che il Governo cambi di nuovo idea e riporti il limite al 60% anche perché i contagi nelle classi stanno crescendo di giorno in giorno e un'apertura al 70% ci metterebbe in difficoltà sui trasporti. Se il Decreto resterà così spetterà ai singoli Uffici scolastici provinciali decidere con quale percentuale far tornare gli alunni in classe, dal 70% in su. Ci vuole buonsenso e sono ancora molti i punti da chiarire: dai ristoranti che fanno servizio mensa alla riaperture di piscine e palestre al chiuso». 
 

Vaccini

Per quanto riguardi l'approvigianomento di vaccini, il Presidente ha comunicato che 14650 dosi del vaccino prodotto dagli americani di Johnson & Johnson, sono arrivo. Covid, Zaia: «Veneto in zona gialla dalla prossima settimana». Per i primi di maggio contiamo di aver vaccinato l'80% dei 70enni con almeno una dose. Solo a quel punto apriremo sul portale della Regione le prime prenotazioni per le vaccinazioni dei 60enni. Nelle case di riposo il 1 gennaio c'erano 3580 positivi oggi, dopo le vaccinazioni sono 48. 892 i decessi avvenuti nelle case di riposo a gennaio 2021, 38 i morti nel mese di marzo 2021». In chiusura una bella notizia di solidarietà: «Il Veneto ha prestato alle Marche due macchinari Ecmo per la respirazione terapia intensiva» ha annunciato Zaia.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento