Padova da Vivere

Padova da Vivere

Due padovani nell'"Inferno" di Dante

Nel canto XVII dell'"Inferno", Dante narra di un dannato che gli rivolse la parola dicendogli:

...... e perché se' vivo anco
Sappi che il mio vicin Vitaliano
Sederà qui dal mio sinistro fianco.
Con questi fiorentin son Padovano

A parlare al poeta è Reginaldo Serovegni, nobile padovano e strozzino di esecrata fama, tanto che Dante lo giudica degno, appunto, dell'Inferno.

Reginaldo parla di un Vitaliano, suo vicino di casa a Padova, probabilmente ancora vivo mentre Dante scrive la sua Commedia. Trattandosi di un altro emerito strozzino, Serovegni lo aspetta all'Inferno, insieme a lui e ad altri usurai fiorentini che Dante conosce.

Sono due le opinioni su chi fosse questo Vitaliano: alcuni ritengono che sia Vitaliano Dente Lemizzoni, che fu Podestà di Padova; ma, siccome al tempo di Dante viveva a Padova un Vitaliano Vitaliani ignobile strozzino, è più probabile che il poeta indicasse costui, tanto più che i Dente o Lemizzoni furono sì banchieri, ma abbandonarono la professione ai tempi di Ezzelino, cioè cinquant'anni prima che Dante scrivesse la "Divina Commedia".

Padova da Vivere

Tante idee per vivere Padova al meglio: segui il nostro blog per rimanere aggiornato sulle novità più interessanti su locali e ristoranti, attività all'aria aperta, shopping, eventi e sport. Per sfruttare al meglio il tuo tempo libero e... scoprire i piccoli tesori vicino a casa. Vuoi diventare protagonista del blog? Inviaci la tua segnalazione

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
PadovaOggi è in caricamento