“Arredamento e business ai tempi di internet”, serve fare rete accrescere la competitività

Il convegno dell’Ascom Confcommercio ha messo in luce una serie di criticità tipiche del settore, non da ultime quella della concorrenza online. Grazie alle case history si è potuto condividere soluzioni e strategie

“Arredamento e business ai tempi di internet”: dal convegno dell’Ascom Confcommercio una disamina su com’è cambiato in questi anni il negozio di mobili e quali le strategie per ridare slancio a questo tipo di attività.

La concorrenza

Da quando, nel settembre 2005, a Padova si aprirono le porte del colosso svedese armato di brugola, ne è passata di acqua sotto i ponti del commercio di mobili. A quei timori, in parte verificatisi, in parte derubricati, comunque contrastati con la qualità, nel frattempo si è aggiunta la grande nemica dei negozi di arredamento, ovvero la “concorrenza online” che merita di essere studiata non solo per rintuzzarne l’attacco, ma anche per sfruttarne a proprio vantaggio le strategie. Di questo si è parlato nel corso del convegno organizzato dall’Ascom, in collaborazione con Federmobili Confcommercio, e svoltosi nella sede padovana di piazza Bardella.

L’evento

Esplicativo il titolo: “Arredamento e business ai tempi di internet. Nuove sfide e opportunità per la distribuzione indipendente”. Dopo i saluti del presidente dei negozi di arredamento associati, Filippo Lucato Formentin e l’invito a non smettere di guardare avanti pronunciato dal presidente dell’Ascom, Patrizio Bertin, sono seguite le relazioni dapprima di Laura Molla (“Federmobili al servizio delle imprese: novità per il 2019”) e quindi del presidente nazionale di Federmobili, Mauro Mamoli (“La Bussola per il negozio di arredamento: dalla valorizzazione dei servizi ai nuovi contratti tipo per la vendita”).

Le soluzioni

In collegamento via skype con Cuneo ha fatto quindi seguito il racconto di alcune case history dei professionisti dell’arredo di quella provincia che hanno presentato la loro esperienza su come fare rete sul territorio per accrescere la competitività. «Un’idea sulla quale ci stiamo incamminando anche noi – ha sottolineato Lucato Formentin – convinti che, professionalità, qualità e servizi post vendita, uniti ad un uso non marginale della rete, possano fare molto per ridare slancio alle nostre attività».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavatrice pulita: i consigli per un bucato profumato

  • Autunno: tutte le decorazione per una casa di tendenza

  • Cinque metodi naturali per un piano cottura brillante

  • Affittare casa a studenti universitari? Quali sono i contratti e come registrarli

  • Finestre con sistemi domotici: per una casa confortevole e a risparmio energetico

  • I rimedi per proteggere la piscina dal freddo invernale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento