rotate-mobile
Casa

Individuare le crepe pericolose in casa, come riconoscerle e agire

Le crepe in casa non devono mai essere sottovalutate, ce ne sono di vari tipi e ognuna merita un’attenzione specifica

Le pareti di casa proteggono dall’esterno, sono la “tavola bianca” attraverso cui esprimere la nostra personalità e sono il modo per avere sempre sotto controllo la salute della casa! Osservarle attentamente può farci scattare un campanello d’allarme e scoprire se l'appartamento non è ben isolato nel caso della comparsa di muffa o se ci sono possibili danni strutturali se appaiono delle crepe.

Per capire se la situazione è grave o meno, è bene consultare un esperto che ci dirà come intervenire al meglio. Infatti, le crepe superficiali sono legate spesso all’intonaco deteriorato dovuto a una sbagliata realizzazione dello stesso intonaco, a perdite di condutture sottostanti o a un normale assestamento dell’edificio. Anche se sembrano innocue queste potrebbero creare problemi sul lungo periodo come infiltrazione d’acqua e creazione di muffa.

Quando si parla di crepe nei muri profonde, invece, le cause possono essere più serie e avere ripercussioni importanti sull’appartamento.

Le cause e le tipologie di crepe nel muro

Appena vediamo la comparsa di crepe, bisogna anzitutto eliminarle, ma prima di intervenire dobbiamo capire da cosa sono state generate. Le cause sono diverse come una scarsa manutenzione dell’edificio o una progettazione sbagliata dello stesso.

A influire ci sono anche assestamenti dovuti al traffico urbano, ai terremoti, agli interventi di scavo o a fenomeni climatici che portano una modifica significativa del terreno.

Una volta individuate le possibili cause è importante capire la natura delle crepe, perché in realtà non sono tutte uguali, ci sono tre tipologie:

  • Crepe orizzontali: dette anche lesioni di trazione, sono causate dal carico eccessivo sul tetto dovuto ad agenti atmosferici come neve o pioggia
  • Crepe verticali: da tenere particolarmente sotto controllo, queste compaiono nel momento in cui il peso dell’edificio non è distribuito in modo corretto sulle pareti perimetrali. Se ce ne sono diverse, si potrebbe avere un cedimento strutturale
  • Crepe trasversali: anche in questo caso non bisogna trascurarle perché sono dovute a un deterioramento del suolo.

Come riparare le crepe superficiali nei muri interni

Se le crepe sono legate a danni strutthttps://www.today.it/casa/sicurezza/come-riparare-crepe-muro.htmlurali bisogna agire subito e far eseguire i lavori a un professionista. Nel caso in cui si tratta di qualcosa di superficiale e siamo esperti di fai da te possiamo ripararlo da soli.

La prima cosa da fare è allargare la crepa attraverso un raschietto: questo viene fatto non per aggravare il danno, ma semplicemente per eliminare le parti del muro fragili che potrebbero cedere nuovamente. Con l’aiuto del raschietto dobbiamo creare una fessura a V per facilitare la stuccatura. Prima di riempirla con lo stucco è necessario rimuovere la polvere con una spazzola a setole rigide e inumidire la crepa per far sì che lo stucco si aggrappi meglio.

Per essere certi che la riparazione duri nel tempo, possiamo passare una mano di fondo consolidante che andrà a compattare il muro. Ora non resta che applicare lo stucco ad asciugatura rapida utilizzando una spatola e stendendolo da sinistra verso destra per avere la certezza che penetri in ogni fessura. Con lo stucco asciutto, l’ultimo passaggio è il nastro di rinforzo per evitare che la crepa si riformi. Infine dobbiamo applicare una leggera passata di stucco per coprire il nastro che si asciugherà prima di levigare la zona e tinteggiarla.

Prodotti online

Info web

https://www.today.it/casa/sicurezza/come-riparare-crepe-muro.html

Foto da articolo da Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Individuare le crepe pericolose in casa, come riconoscerle e agire

PadovaOggi è in caricamento