Cronaca

Cadoneghe: tentano il furto in un cantiere, fermati dall'assessore Elisa Bettin

L'assessora ha inseguito due persone a bordo di un auto usciti da un cantiere, fotografato la targa e avvertito i carabinieri che dopo un appostamento hanno fermato i due mentre stavano asportando due betoniere da cantiere

Nella serata di sabato 4 gennaio, il sindaco di Cadoneghe, Schiesaro, è stato avvertito su segnalazione dell’assessore all’ambiente del comune, Elisa Bettin, che due persone si stavano allontanavano da un cantiere sito nelle vicinanze della sua abitazione. L'assessore ha chiamato il sindaco mentre li stava seguendo con la sua auto per fotografarne la targa. Poi a Ponte di Brenta li perde. L'assessora sa che i due torneranno dovranno tornare con un mezzo più grande, per portare via la refurtiva e lo fa presente ai carabinieri. Così l'equipaggio della Stazione Noventa Padovana si è appostato in attesa che i due tornassero per prendere il materiale che dal cantiere avevano rubato e nascosto vicino all strada. 

Arresto

Quando questi si sono presentati, su un furgone, hanno trovato i carabineiri che li hanno tratti immediatamente in arresto. I due fermati nelle immediate vicinanze del cantiere da dove erano stati visti uscire dall'assessore, sono due moldavi, R.G. e B.S., entrambi dell’85. Incensurati, ma sorpresi a caricare sul furgone di proprietà di uno dei due, delle betoniere da cantiere.

Refurtiva

Il furgono con la refurtiva è stato poi caricato con il carro attrezzi e portato in caserma a Noventa Padovana. «Senza l'intervento - siega il sindaco Schiesaro -  dell'assessore Elisa Bettin, non saremmo di certo riusciti a fermarli. E' stato determinante il suo intervento, non mi stancherò mai di dirlo». Il materiale ritrovato è stato già restitiuito alla ditta proprietaria.

cadoneghe-3

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cadoneghe: tentano il furto in un cantiere, fermati dall'assessore Elisa Bettin

PadovaOggi è in caricamento