Cronaca Riviere / Piazza Antenore

Maestre da tutto il Veneto sotto la prefettura di Padova in difesa del loro posto di lavoro

Si sono ritrovate in stazione in 250 e hanno sfilato fino a piazza Antenore. Delle tante manifestazioni del weekend, la più colorata e chiassosa

Di tutte le manifestazioni, commemorazioni e presidi che si sono svolti nella giornata di sabato 10 febbraio, di sicuro il più chiassoso e colorato è stato quello che ha condotto circa duecentocinquanta maestre da diverse province del Veneto: Verona, Vicenza e naturalmente Padova. Si sono date appuntamento alle 16, fuori dalla stazione. Protestano contro la sentenza della Plenaria che prevede il licenziamento dei diplomati magistrali benché abilitati ad insegnare. Hanno attraversato in corteo la città fino a giungere sotto la prefettura. Manifestazioni di questo tipo si sono svolte contemporaneamente in molte altre regioni d’Italia.

Le rivendicazioni

Chiedono che gli insegnanti in ruolo che hanno superato l’anno di prova conservino il posto, così come chi effettua ora l’anno di prova; chiedono inoltre la permanenza nelle graduatorie (GAE) con il punteggio acquisito e riapertura delle GAE per chi ha l’abilitazione (diplomati magistrali con titolo conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002, laureati in Scienze della Formazione primaria Vecchio e Nuovo ordinamento, PAS, TFA, ecc… Infine l’immissione in ruolo dei precari con 3 anni di servizio nelle scuole di ogni ordine e grado.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maestre da tutto il Veneto sotto la prefettura di Padova in difesa del loro posto di lavoro
PadovaOggi è in caricamento