Scarica rifiuti ingombranti nel parcheggio di una ditta per non pagare lo smaltimento

Un cinquantenne nigeriano è partito da Treviso e ha cercato di liberarsi di alcuni elettrodomestici abbandonandoli fuori dalla sede di un'azienda nella zona industriale

Denuncia in stato di libertà per un 54enne di nazionalità nigeriana e residente nel Trevigiano, scoperto mentre depositava una grande quantità di rifiuti nel piazzale della sede della ditta TNT di Padova.

rifiuti ingombranti abbandono-2

L'abbandono

Ad accorgersi degli strani movimenti nel cortile del colosso delle spedizioni in zona Interporto è stata la vigilanza privata. Gli addetti hanno avvistato lo straniero mentre scaricava da un furgone diversi rifiuti ingombranti ed elettrodomestici, tra cui lavatrici, frigoriferi, stufette e scaldabagno. Il piazzale della TNT, che si trova tra i capannoni della zona industriale ed è quindi poco frequentato nel fine settimana, è stato probabilmente scelto per non dover seguire l'iter e rivolgersi a un ecocentro per lo smaltimento.

L'intervento dei militari

Immediata la chiamata ai carabinieri, accorsi sul posto per evitare l'abbandono del materiale. Dopo aver intercettato l'uomo mentre si trovava ancora nel parcheggio, i militari hanno imposto di caricare nuovamente tutti i rifiuti sul veicolo, per poi smaltirli nelle sedi appropriate come previsto per legge. L'uomo è stato poi denunciato per gestione non regolare dei rifiuti e invasione di terreni.

abbandono rifiuti ingombranti-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il trattore trancia un tubo di gasolio: la perdita fa scoprire l'allacciamento abusivo

  • Stroncato da un malore: imprenditore muore nell'azienda fondata quarant'anni fa

  • Tremendo schianto fra tre mezzi: centauro trentenne muore in ospedale

  • Evasione fiscale: le fiamme gialle confiscano 500mila euro di beni a un imprenditore

  • Vintage Festival, festa dell’uva e del vino, incontri culturali e sagre: il weekend a Padova

  • Tragedia sulle montagne trentine: morti due scalatori padovani

Torna su
PadovaOggi è in caricamento