menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Contenimento dei cinghiali, 150 capi abbattuti in quaranta giorni

Sono stati riattivati i chiusini, effettuati controlli notturni, realizzate piccole girate, battute poco invasive per il prelievo di singoli esemplari. I risultati della collaborazione tra il Parco Colli e la polizia provinciale di Padova

Sono oltre 150 i cinghiali abbattuti sui Colli Euganei nei primi 40 giorni di collaborazione tra il Parco Colli e la polizia provinciale. Diverse le azioni messe in atto per il contenimento della specie: sono stati riattivati i chiusini, effettuati controlli notturni, realizzate piccole girate, battute
poco invasive per il prelievo di singoli capi.

LA COLLABORAZIONE. “I risultati dei primi 40 giorni di collaborazione – ha detto Vincenzo Gottardo, consigliere provinciale delegato alla Polizia provinciale – sono assolutamente positivi. Per rispondere all’emergenza cinghiali abbiamo distaccato due commissari alla sede del Parco per coordinare e organizzare il lavoro dei volontari e dei dipendenti. Considerati i risultati positivi raggiunti, abbiamo prorogato la collaborazione fino al 30 gennaio 2016”.

I SELECONTROLLORI. Quest’anno l’emergenza cinghiali è stata ancora più problematica, tant’è che l’incremento dei capi è stato di circa il 220%. “È necessario far giungere a livello regionale – ha detto Riccardo Masin, componente comitato esecutivo Parco Colli Euganei - una voce forte e rappresentativa di tutte le realtà locali. L’attività è sia operativa che di controllo. In questi 35-40 giorni sono state messe in campo diverse azioni per ottenere i migliori risultati. Fondamentale è stato lo snellimento delle procedure per l’utilizzo dei selecontrollori, cioè di tutti quei volontari che agiscono durante le ore notturne intensificando le uscite. Nel passato infatti  i passaggi avvenivano ogni 15 giorni, attualmente avvengono due volte la settimana per i gruppi collaudati”.

I SOPRALLUOGHI. È stata istituita anche un’attività di controllo del territorio per quanto riguarda i sopralluoghi. Le segnalazioni infatti sono importantissime per dare una risposta diretta alle problematiche dei cittadini e delle aziende che sono costrette a sopportare danni ingenti sia per l’uva, che per l’olivo, ma soprattutto per le colture di carattere cerealicolo. I controlli e i sopralluoghi, oltre alla constatazione del danno, offrono alle aziende le possibilità di ottenere consigli e delucidazioni in merito alle diverse soluzioni di prevenzione.

L'ABBATTIMENTO DEI COSTI. Il piano ha consentito di abbattere i costi diretti per le operazioni di contenimento dei cinghiali. La Task force è composta da 2 agenti della polizia, 5 persone del Parco, ma soprattutto da 44 selecontrollori che, in qualità di volontari, utilizzano armi proprie, munizioni proprie e carburante proprio. Questo ha comportato un risparmio nei primi 40 giorni per l’Ente Parco di circa 55mila euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento