menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il materiale sequestrato

Il materiale sequestrato

Abusivi nel sottotetto del garage di una casa in ristrutturazione: il blitz

Prima avevano occupato la casa. Poi, cacciati, si erano trasferiti nel sottotetto del fabbricato. L'operazione, a Camposampiero, ha permesso di denunciare due persone: un 50enne bosniaco e un serbo di 53 anni

Cacciati da un'abitazione in ristrutturazione a Camposampiero, due stranieri, originari dell'Est Europa, avevano trovato rifugio nel vicino sottotetto del garage.

IL BLITZ. Giovedì mattina, all'alba, è scattato quindi il blitz della polizia locale del Camposampierese. Due pattuglie del Nucleo operativo sicurezza urbana, con la collaborazione dell'ufficio mobile dei carabinieri, hanno circondato l'edificio. Cinque i giacigli trovati dagli agenti, ricavati nel sottotetto del fabbricato, accessibile con una scala esterna. All'interno è stato identificato un 50enne di origine bosniaca, regolare in Italia. Per lui è scattata la denuncia penale per invasione di terreni o edifici.

L'ACCAMPAMENTO ABUSIVO. Il sottotetto, non agibile e lasciato al grezzo, risulta privo di acqua corrente ed energia elettrica. Gli occupanti vi avevano ricavato una piccola cucina ed un dormitorio. L'illuminazione era garantita da alcune lampadine collegate con dei fili alla batteria di un autoveicolo. Precarie anche le condizioni igieniche, sia all'interno che all'esterno, dove un'area era stata utilizzata per soddisfare i bisogni fisiologici degli occupanti. Tutt'intorno, sacchi di immondizie, bottiglie e lattine di birra vuote.

UN'ASCIA E UNA RONCOLA. Il giorno successivo gli agenti, tornati per verificare l'area, hanno bloccato un secondo straniero, di 53 anni e originario della Serbia, risultato con permesso di soggiorno scaduto. L'uomo è stato così denunciato per invasione di edifici e segnalato alla questura di Padova per le pratiche di espulsione. Gli agenti, all'interno dei locali, hanno trovato anche un'ascia ed una roncola nascoste in un cassetto. Gli stranieri hanno dichiarato che i due attrezzi venivano utilizzati per il taglio della legna e lo sfalcio degli arbusti all'ingresso dell'edificio abbandonato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento