menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Accesso ai giornalisti in municipio limitato, l'Ordine: "Silenzio istituzioni sconcertante"

Un gruppo di cronisti, lunedì mattina, non ha potuto accedere per alcune ore a palazzo Moroni, prima della conferenza convocata, sulla base delle nuove disposizioni

Lunedì mattina, sulla base di un provvedimento emesso la scorsa settimana dall'amministrazione Bitonci, è stato vietato per un paio d'ore, dalle 10 alle 12, l'accesso in municipio a Padova a un gruppo di sei giornalisti, presentatisi "in anticipo" rispetto alla premiazione, fissata per le 12.45, di alcuni atleti, evento per il quale la stampa era stata ufficialmente invitata.

ACCESSO REGOLAMENTATO. In base al nuovo regolamento, che stabilisce nuove modalità di accesso a palazzo Moroni, infatti, i cronisti possono entrarvi solo dotati di un badge che viene rilasciato in portineria, su consegna di un documento di indentità, e l'ingresso viene coordinato dall'ufficio stampa del Comune, in occasione di conferenze stampa o di appuntamenti istituzionali.

L'ORDINE DEI GIORNALISTI. Sul caso è intervenuto anche l'Ordine del giornalisti del Veneto con una nota. "Si auspica che i vertici della politica veneta, e in primis il presidente della Regione, Luca Zaia, da sempre attento e rispettoso della libertà di stampa, si esprimano su quanto sta accadendo in una delle principali città del Veneto, dove il sindaco, Massimo Bitonci, ha deciso di consentire la libertà di cronaca soltanto 'su invito' e nel corso delle conferenze stampa. Una 'censura' decisa, peraltro, senza alcuna motivazione: un segnale preoccupante per quanti credono ancora nel diritto dei cittadini, costituzionalmente riconosciuto, di poter essere informati in maniera libera e completa".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento