menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'opera nella sua collocazione d'origine davanti a Villa Contarini (foto: Facebook)

L'opera nella sua collocazione d'origine davanti a Villa Contarini (foto: Facebook)

"Afterlove" rimossa da Villa Contarini: "Crea imbarazzo", finisce cento metri più ad Est

L'opera di Angelo Brugnera che rappresenta "quello che resta del maschio dopo la "violenza" amorosa: aperto, svuotato, inerme, esposto alla pubblica derisione, simbolo, non più tanto sacro, di una sconfitta" è finita al centro della polemica

L'opera "Afterlove" creata dallo scultore e pittore pordenonese Angelo Brugnera per la Terza Biennale di Scultura di Piazzola sul Brenta, è stata rimossa dalla sua collocazione iniziale, davanti a Villa Contarini, e spostata di un centinaio di metri. Il motivo? La statua che rappresenta "quello che resta del maschio dopo la “violenza” amorosa: aperto, svuotato, inerme, esposto alla pubblica derisione, simbolo, non più tanto sacro, di una sconfitta" creerebbe disagio e imbarazzo.

POLEMICA. La polemica è scoppiata nei giorni scorsi e ha avuto una grande eco sui social. Come ha spiegato lo stesso Brugnera: "La mia scultura è attualmente oggetto di contestazione. Da quanto mi è stato riferito, l’amministrazione di Villa Contarini e l’amministrazione Comunale di Piazzola sul Brenta ne chiedono la rimozione in quanto oggetto di scandalo. Devo confessare che sono stupito e amareggiato". Questo succedeva giovedì.

FOTO. Nel giro di poche ore la decisione del curatore della mostra "In terra acqua e aria" di riposizionare l'opera altrove. Cento metri più ad Est con lo sfondo del giardino dei limoni. Decisione che ha trovato la pronta risposta dell'artista che su Facebook ha dichiarato: "Ricordo anche che prima di iniziare questo lavoro ho presentato le foto della scultura originale (di cui questa è una copia). Il curatore poi ha avuto modo di vedere l’originale dal vivo in occasione della mostra Love and Violence svoltasi a Padova presso la Galleria Cavour e, nel momento dell’installazione, ha deciso insieme a me la sua collocazione nel parco di Villa Contarini. Adesso improvvisamente la devo togliere o spostare".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento