Amanti sul tetto del supermercato Ma un residente li prende per ladri

Domenica sera una volante della polizia ha "pizzicato" due giovani di 16 e 15 anni in cima all'Alì di via Pasinato a Padova. L'allarme era scattato da un abitante spaventato. La coppia: "Non volevamo creare casini"

Alì di via Pasinato a Padova

Due giovanissimi amanti in preda alla passione, ma senza un posto per fare l'amore. Così l'idea, senza dubbio originale, magari anche romantica, di scalare l'edificio di un supermercato e appartarsi sul tetto. Forse credevano che da lassù nessuno avrebbe badato a loro. Ma non avevano fatto i conti con un residente dall'occhio di lince, che non solo li ha visti, ma ha persino contattato la polizia credendo si trattasse di una coppia di ladri.

AMANTI SUL TETTO. Imbarazzante episodio, domenica in tarda serata, all'Alì di via Pasinato a Padova. Un sedicenne e la fidanzatina di 15 anni sono stati sorpresi da un abitante del posto nello sfortunato tentativo di concedersi un po' di privacy in un "attico" improvvisato. L'uomo, convinto si trattasse di due delinquenti pronti a mettere a segno un furto nel punto vendita, ha dato l'allarme. Il premuroso cittadino ha descritto agli agenti la scena cui aveva assistito: una persona, dopo essere salita su uno scooter, aveva raggiunto le scale di ferro e infine il tetto del supermercato.

"NON VOLEVAMO CREARE CASINO". L'intervento è scattato alle 22.30. Sul posto una volante della polizia. Bizzarro lo spettacolo che si è presentato agli occhi dei poliziotti, convinti di trovarsi faccia a faccia con due criminali, e invece incappati in una coppia di amanti furtivi. "Noi non volevamo creare casino" sono le poche parole che i due ragazzi sono riusciti a farfugliare. Gli agenti si sono limitati ad identificarli. Entrambi padovani, sono stati rimandati a casa.

ACCAMPAMENTO ALL'UNIVERSITÀ. Nella mattinata di lunedì, alle 11, una nuova segnalazione da parte di un residente. Ancora un'intrusione abusiva, questa volta in una struttura dell'università in via del Pescarotto a Padova. L'uomo ha notato una persona penetrare nel giardino dell'edificio dopo avere scavalcato una recinzione. Una pattuglia si è recata sul posto, rinvenendo una coppia di tossici addormentati. Si erano accampati con borsoni e zaini. L'intento era quello di stanziarsi e farne un dormitorio temporaneo. I due sono stati identificati. Si tratta di due italiani residenti a Venezia. Per entrambi una denuncia per invasione di edifici e foglio di allontanamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gravissimo incidente, esce di strada e si schianta nel fosso: muore un 56enne

  • «Bisogna mozzargli mani e piedi»: minacce via Facebook al sindaco di Cadoneghe

  • Infarto durante l'ora di lezione a scuola: grave una studentessa di 14 anni

  • Si getta sui binari alla stazione di Padova: treni in tilt all'alba di lunedì

  • Auto a fuoco mentre percorre la tangenziale: paura e traffico in corso Australia

  • Auto travolge ciclista alla rotonda: l'uomo di 40 anni è grave in ospedale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento