Amazon replica alla protesta di Vigonza: «Operiamo nel rispetto dell'ambiente e dei lavoratori»

Veicoli a basso consumo, norme di condotta rigide e costante impegno per migliorare. Questi i capisaldi che la multinazionale presenta come risposta agli attivisti in protesta

L'interno di uno dei centri di distribuzione di Amazon (immagine di repertorio)

A poche ore dalla manifestazione che venerdì mattina ha visto una trentina di attivisti (esterni alla società) schierati fuori dai cancelli dello stabilimento di Vignza per protestare contro i cambiamenti climatici, pronta arriva la replica dell'azienda.

Riportiamo integralmente la nota diramata da Amazon, che chiarisce la posizione della multinazionale in merito al rispetto del clima e dell'ambiente.

Automezzi a basso consumo e veicoli elettrici

«Amazon lavora costantemente per ottimizzare la propria rete e migliorarne l’efficienza. Ciò comprende la gestione della nostra flotta di veicoli dedicati alle consegne progettati per minimizzare il consumo di carburante. In Nord America, la nostra flotta è costituita da veicoli di diverse dimensioni dotati di pannelli aerodinamici e sistemi automatici di gonfiaggio degli pneumatici in grado di massimizzare l’efficienza nell’utilizzo del carburante. In alcune parti d’Europa abbiamo schierato rimorchi a due piani con maggiore capacità di carico in grado di ridurre le distanze totali percorse. In Europa, Amazon sta lavorando a stretto contatto con i fornitori di servizi per il lancio della nostra prima flotta a basso inquinamento per le consegne “dell’ultimo miglio”. Una parte della flotta europea è formata da auto e furgoni a basso inquinamento e in alcune città utilizziamo scooter elettrici e cargobike elettriche per il tratto urbano delle consegne. Effettuiamo costantemente dei test sulle nuove tecnologie in tutto il mondo per aumentare l’efficienza e, contemporaneamente, ridurre le emissioni e i costi operativi».

Rispetto del lavoratore

«Per le consegne ai clienti, Amazon Logistics si avvale di piccole e medie imprese specializzate. Attraverso i fornitori di servizi di consegna, gli autisti percepiscono salari competitivi e benefit. Amazon richiede che tutti i fornitori di servizi di consegna rispettino tutte le leggi vigenti e il Codice di condotta dei fornitori aziendale, che prevede salari equi, orari di lavoro e compensi adeguati. Effettuiamo verifiche regolari e conduciamo indagini su qualsiasi segnalazione di non conformità. Amazon continua a creare nuovi posti di lavoro con retribuzioni altamente competitive e un pacchetto completo di benefit».

Trasparenza e controllo quotidiano

«Una delle ragioni alla base della nostra capacità di attrarre personale è che la nostra priorità numero uno è assicurare un ambiente di lavoro sicuro e inclusivo. Usiamo il nostro programma Connections per chiedere tutti i giorni ai nostri dipendenti come possiamo migliorare ancora, sviluppiamo nuovi processi e tecnologie per rendere le mansioni nei nostri stabilimenti più confortevoli possibile, e non appena abbiamo notizia di qualcosa che non va indaghiamo a fondo e interveniamo per risolvere il problema. Siamo convinti che questo nostro impegno nei confronti dei dipendenti e la nostra eccellenza operativa facciano di Amazon un posto estremamente attraente in cui lavorare. Invitiamo chiunque a vedere con i propri occhi visitando uno dei nostri centri di distribuzione». Per saperne di più visitate il sito https://it.amazonfctours.com che da maggio 2015 ha accolto oltre 13mila visitatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Inferno in autostrada: esplode tir, carbonizzato l'autista, feriti due lavoratori

  • Luca Zaia attacca Poiana: «Non si può andare in tv a sputtanare il Presidente della Regione, ditelo a Pennacchi»

  • Tragedia lungo l'autostrada: padovano schiacciato sotto il suo camion

  • Sorpresa dalle previsioni meteo: neve in arrivo anche a Padova e provincia?

  • 30 secondi di pura magia: il video spot del Natale a Padova

  • Un corpo riaffiora dal canale. Il deambulatore abbandonato prima della tragedia

Torna su
PadovaOggi è in caricamento