menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le due anatre in gabbia sul laghetto ghiacciato

Le due anatre in gabbia sul laghetto ghiacciato

Villafranca, anatre prigioniere dei cacciatori nel lago ghiacciato

Al confine con Campodoro, i due esemplari sono stati tratti in salvo dai vigili del fuoco su segnalazione degli animalisti. Avevano le ali mutilate per impedire loro di volar via ed erano impiegate illegalmente come richiamo

Una coppia di anatre con le ali mutilate per impedire loro di volar via, rinchiuse in una gabbia e abbandonate su un laghetto in gran parte ghiacciato.

IL SALVATAGGIO. Questo il brutto spettacolo che ieri gli attivisti della Lega anticaccia e di Centopercentoanimalisti si sono trovati di fronte al confine tra Villafranca Padovana e Campodoro, nell'Alta. Sul posto, su richiesta dei primi, sono intervenuti i vigili del fuoco, che hanno provveduto a recuperare traendo in salvo i due pennuti, affidati alle cure delle guardie zoofile della Lega anticaccia.

RICHIAMI ABUSIVI. La presenza delle anatre si inserisce in un contesto di appostamenti per la caccia come capanni installati in zona. I due animali non portavano l'anello di riconoscimento obbligatorio per legge. Erano quindi impiegati illegalmente come richiamo. Contrariamente a quanto prevede il regolamento, i richiami vivi non si possono abbandonare nei luoghi di caccia.

POSSIBILI REATI. Il magistrato di turno dovrà ora esprimersi sulla convalida o meno del sequestro delle due anatre e sulle responsabilità dei cacciatori, che rischiano l'imputazione di abbandono di animale, maltrattamento, uso di richiami vivi privi dell'anello di identificazione e senza la dovuta autorizzazione, nonchè bracconaggio, qualora risultino animali selvatici.

 
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Superenalotto: vincite a Noventa Padovana e a Este

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento