menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Se n'è andato, con i suoi segreti, l'ex generale del Sisde Quintino Spella

È deceduto a 91 anni l'ex generale del Sisde, Quintino Spella, imputato per depistaggio nel nuovo processo sulla strage di Bologna del 2 agosto 1980

È deceduto a 91 anni l'ex generale del Sisde Quintino Spella, imputato per depistaggio nel nuovo processo sulla strage di Bologna del 2 agosto 1980. Spella era residente a Rubano, negli anni ’80 era stato capocentro del Sisde a Padova.

Processo

Nell'ultima udienza, proprio a causa delle condizioni di salute, il suo difensore aveva chiesto il legittimo impedimento e lo stralcio della posizione. Spella era stato coinvolto nel processo dopo le dichiarazioni del magistrato di sorveglianza padovano Giovanni Tamborino, che disse di essersi rivolto a lui dopo aver raccolto, nel luglio del 1980, le dichiarazioni dell'estremista di destra Luigi Vettore Presilio. Quest'ultimo gli disse che, di lì a poco, sarebbe stato realizzato «un attentato con una bomba di cui avrebbero parlato i giornali di tutto il mondo».

Sospetti

Esecutori materiali della strage di Bologna sono Valerio Fioravanti, Francesca Mambro, Luigi Ciavardini e Gilberto Cavallini, appartenenti ai Nuclei Armati Rivoluzionari. Ma la procura bolognese è andata avanti, cercando i mandanti della strage che costò la vita a 85 persone quel tragico due agosto dell’82. Il sospetto, che peraltro aleggia in tutte le stragi, è che dietro agli attentatori appartenenti a frange di estrema destra, ci fosse la mano invisibile dei servizi segreti deviati del paese. L’avviso di garanzia aveva raggiunto Spella nella sua bella villa di Rubano l’anno scorso. Spella, sentito sul punto, ha negato di aver incontrato il magistrato nel luglio e agosto 1980.

Strage

Le dichiarazioni di Tamborino portavano proprio in questa direzione. Spella negò ogni addebito ma lo smentiscono i suoi stessi ex colleghi dell’epoca: gli agenti dei servizi che lavoravano con lui hanno infatti confermato ai magistrati che il Sisde di Padova sapeva della strage già da luglio e che Vettore Presilio era una fonte accreditata di Spella e del suo ufficio. Insomma, Spella fu messo a conoscenza di ciò che stava per accadere ma nessuno sa cos’abbia fatto di quelle informazioni. La verità di Spella è finita nella tomba con lui.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sei ore di sospensione idrica nel quartiere: l'avviso

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento