Cronaca Fiera / Via Francesco Rismondo

A trentanove anni dal duplice omicidio l'Arma ricorda Codotto e Maronese, trucidati dai Nar

I vertici dell'Arma padovana si preparano a rendere omaggio alle due medaglie d'oro al valor militare. Uccisi al Bassanello in un agguato, permisero di mettere in scacco i terroristi

L'appuntato Enea Codotto e il carabiniere Luigi Maronese

Cerimonia solenne per uno degli anniversari più sentiti per i carabinieri padovani, che il 5 febbraio ricordano la tragica scomparsa dei colleghi Enea Codotto e Luigi Maronese. Vittime del servizio nel 1981, uccisi dai militanti dei Nar, con il loro sacrificio ne fecero arrestare il leader.

Il ricordo

Mercoledì 5 febbraio, in occasione del trentanovesimo anniversario dall'omicidio dei due carabinieri, si svolgerà una cerimonia presieduta dal comandante della legione carabinieri "Veneto", generale di brigata Fabrizio Parrulli, a cui parteciperanno anche i congiunti dei militari caduti. Alle 9, sul luogo dell'agguato al Bassanello, il comandante e una rappresentanza dei militari dei comandi padovani deporranno una corona di fiori davanti alla stele che ricorda l'eccidio. Alle 9.40 alla caserma di via Rismondo che da Codotto e Maronese prende il nome, sarà celebrata una messa officiata dal secondo cappellano militare capo don Corrado Tombolan.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A trentanove anni dal duplice omicidio l'Arma ricorda Codotto e Maronese, trucidati dai Nar

PadovaOggi è in caricamento