Antenna Terranegra, Bitonci: "Offro gratis area diversa, dimissioni cda commissione d'inchiesta su Spes"

Il sindaco di Padova interviene sul maxi-traliccio, contro la cui attivazione, i cittadini sono scesi in piazza e sono già state raccolte oltre 4mila firme. Scantamburlo: "Affitto concesso dopo le autorizzazioni"

L'antenna di Terranegra

Sabato scorso, i cittadini sono scesi in piazza contro la maxi-antenna di Terranegra. Una camminata "pacifica" dal Giardino dei Giusti, indetta dal comitato spontaneo Tutela ambiente salute territorio, fino all'"eco-mostro", contro la cui attivazione sono già state raccolte oltre 4mila firme. Il traliccio è stato costruito su un terreno di proprietà della Spes - istituzione pubblica padovana di assistenza e beneficenza, che ha nel suo consiglio di amministrazione esponenti del Comune, della Provincia e della Curia -, che lo ha affittato per 30 anni ad una società privata.

LE RESPONSABILITÀ. La vicenda è complessa. Secondo l'Arpav, ai controlli preventivi tutto è in regola, per la Provincia l'autorizzazione è un atto dovuto, mentre, per il Comune, la concessione edilizia è una questione tecnica che non afferisce alla giunta. La Spes, a sua volta, sostiene che il contratto di locazione era vincolato al parere favorevole dei tre enti preposti, e che, quindi, tutto si è svolto in piena regola.

"DIMISSIONI CDA E COMMISSIONE D'INCHIESTA SU SPES". Sulla questione, lunedì, è intervenuto il sindaco di Padova, Massimo Bitonci, chiedendo le "immediate dimissioni del consiglio di amministrazione della Spes e l’istituzione di una commissione di inchiesta che valuti le responsabilità del presidente Dino Scantamburlo, ex parlamentare e noto esponente del Partito Democratico, dell’amministrazione comunale che ci ha preceduto e che lo ha nominato, e della Provincia".

"UN'ALTRA AREA GRATIS". "Non è il momento di giocare allo scarica barile - ha asserito Bitonci - ho sentito l’azienda che ha installato l’antenna, a cui ho offerto un’area diversa, a titolo gratuito, lontano da case e parchi pubblici, su cui impiantare un altro dispositivo. Ho anche chiesto - ha dichiarato - che siano installati, a sue spese, dei dispositivi per il rilevamento di emissioni elettromagnetiche. I dati, frutto delle rilevazioni, dovranno essere costantemente comunicati al Comune che provvederà a renderli immediatamente pubblici".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA SPES. "Ribadisco - sottolinea Dino Scantamburlo - che noi abbiamo concordato con la società privata di dare in locazione solo dopo che quest'ultima avesse ottenuto i permessi di Arpav, Comune e Provincia, quindi tutto si è svolto secondo le regole".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Tremendo schianto in serata lungo la Pelosa: morti due padovani, un ferito grave

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

Torna su
PadovaOggi è in caricamento