Cronaca

Anziani torturati manifestano coi venetisti sotto la casa del rapinatore ai domiciliari

Sabato, a Merlara, dove risiede il 26enne marocchino che ha chiesto scusa, un comizio e un sit-in promosso dal leader Lucio Chiavegato. La cruenta rapina lo scorso 20 luglio a Piacenza d'Adige

La signora Rosina coi venetisti a Merlara

Ai domiciliari dopo la cruenta rapina a cui aveva partecipato assieme ad altri complici lo scorso 20 luglio a Piacenza d'Adige, un 26enne marocchino aveva chiesto scusa agli anziani tramite le telecamere di una trasmissione televisiva nazionale.

IL VIDEO: L'abitazione a soqquadro dopo la violenta rapina

ROSINA: "VOGLIO LA GALERA". Scuse rinviate al mittente sabato, in un sit-in e comizio promosso a Merlara dai venetisti guidati da Lucio Chiavegato, sotto casa del marocchino, a cui, oltre a un gruppo di manifestanti, hanno partecipato anche i due anziani vittime della rapina, durante la quale vennero anche seviziati con un ferro da stiro. In particolare, a prendere la parola è stata l'86enne Rosina: "Ora agli arresti domiciliari siamo io e mio marito, che abbiamo dovuto mettere le inferriate. Chiedo la galera per lui, lo voglio dentro fino al processo, non fuori".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anziani torturati manifestano coi venetisti sotto la casa del rapinatore ai domiciliari

PadovaOggi è in caricamento