rotate-mobile
Cronaca

Ben 300mila euro in più nel conto: il prete esorcista indagato per appropriazione indebita

A inviare l'esposto in Procura è stata l'amministratrice di sostegno di una pensionata di 90 anni attualmente ricoverata in casa di riposo a Rubano, la quale ha scoperto che nel febbraio 2021 il prete aveva trasferito i soldi dal conto corrente dell'anziana al suo

Ci sono in ballo 300mila euro, che nel frattempo sono stati sequestrati: l'86enne Don Sante Babolin, noto per essere stato l'esorcista ufficiale della diocesi di Padova, è indagato dalla Procura per appropriazione indebita.

I fatti

A raccontare la vicenda è "Il Mattino di Padova": a inviare l'esposto in Procura è stata l'avvocato Claudia Bezze, amministratrice di sostegno di una pensionata di 90 anni attualmente ricoverata in casa di riposo a Rubano, la quale ha scoperto che nel febbraio 2021 il prete aveva trasferito dal conto corrente dell'anziana al suo ben 300mila euro. Don Sante Babolin non solo aveva la delega a utilizzare il conto corrente della donna, che conosceva benissimo dato che lui viveva in una casa di proprietà dell'anziana a Bosco di Rubano, ma il maxi-spostamento di soldi ha insospettito l'avvocato, che si è subito rivolta alla Procura. Il tutto con un'ulteriore complicazione: le condizioni di salute del prete non sono delle migliori, al punto che anche lui ora ha un amministratore di sostegno, ovvero il fratello, il quale sa dell'inchiesta e avrebbe anche assicurato che i 300mila euro sarebbero stati prontamente restituiti alla donna, ma ciò non è ancora avvenuto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ben 300mila euro in più nel conto: il prete esorcista indagato per appropriazione indebita

PadovaOggi è in caricamento