menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rintracciato ed arrestato un islamico radicalizzato evaso dal carcere di Padova

Nel periodo di detenzione, lo straniero aveva professato di appartenere al sedicente Stato Islamico, motivo per cui era stato inserito tra i detenuti da monitorare. Lo scorso 6 maggio l'uomo sarebbe dovuto rientrare in carcere al termine di un permesso premio

Venerdì mattina, i poliziotti della Questura di Padova hanno rintracciato e arrestato M.E.H., marocchino 42enne pluripregiudicato, segnalato come islamico radicalizzato, evaso dal carcere di Padova lo scorso 6 maggio mentre si trovava in permesso premio.

ISLAMICO RADICALIZZATO. L'uomo era stato arrestato nel 2007 per reati commessi tra il Trevigiano e la provincia di Pordenone, in particolare traffico di droga, violenza sessuale, resistenza a pubblico ufficiale e riciclaggio. Nel periodo di detenzione, lo straniero aveva professato di appartenere al sedicente Stato Islamico, motivo per cui, dal carcere di Verona, era stato trasferito nella struttura penitenziaria euganea e inserito tra i detenuti da monitorare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'EVASIONE. Lo scorso 6 maggio, l’uomo sarebbe dovuto rientrare in carcere al termine di un permesso premio di tre giorni, fruito per qualche giorno in una casa di accoglienza, ma, eludendo la vigilanza, è riuscito a far perdere le proprie tracce.

LE INDAGINI. Le indagini svolte dalla Digos della Questura di Padova, avviate subito dopo la segnalazione di evasione giunta dalla polizia penitenziaria, hanno permesso di rintracciare ed assicurare alla giustizia il 42enne, riconosciuto venerdì mattina da un agente della polizia penitenziaria nelle vicinanze della stazione ferroviaria di Padova.

L'ARRESTO. Gli agenti della Digos, insieme alle pattuglie delle Volanti, ad un’unità operativa di Pronto impiego e a personale della polizia penitenziaria, convogliati sul posto immediatamente dalla sala operativa della Questura, hanno bloccato e ammanettato l’evaso mentre tentava di nascondersi all’interno di un casolare abbandonato in via Goldoni. L'evaso è stato riaccompagnato al carcere Due Palazzi di Padova.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento